venerdì 10 luglio 2015

Profumo di pagine nuove #23 - Di ospizi, uccellini solitari e mattonazzi indiani


Buon pomeriggio lettori e bentornati su Sfogliando la vita.
Oggi ritorna, dopo molto tempo, la rubrica sulla novità libresche che troviamo sugli scaffali delle librerie.
Pronti per far allungare la vostra lista desideri? Le uscite sono molte e succulente. Questa volta ho inserito anche diverse Graphic Novel e spero che vi possano interessare. Come al solito, mettetevi comodi perchè il post sarà chilometrico. I libri con la stellina accanto al titolo sono quelli che desidero di più (così, giusto se siete curiosi).
Buona lettura!!!



#23
dal 2 al 9 Luglio 2015




Titolo: Appunti di vita. 1- Born to be a larva
Autore: Boulet
Editore: Bao
Pagine: 199
Prezzo: 18 euro

Trama:
La vita del fumettista non è sempre così facile come la si immagina. Lo sa bene Boulet, al secolo Gilles Roussel, che nella raccolta di strisce del suo blog bouletcorp.com tratteggia con inconfondibile verve umoristica i chiaroscuri di una vita a fumetti. Apprezzato sia dal grande pubblico sia dalla critica (Lewis Trondheim lo ha scelto come autore per la serie "La Fortezza", insieme a nomi del calibro di Joann Sfar, Kerascoet e Christophe Blain), Boulet è uno degli artisti che più hanno influenzato la scena contemporanea dei blog a fumetti nonché autori di prestigio come Zerocalcare.

Cosa mi ha colpita:
La sovraccoperta è stata disegnata da Zerocalcare, e questo basta ad attirare il mio sguardo. Non so se effettivamente l'opera potrebbe interessarmi, dato che si tratta di vignette... Staremo a vedere.

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Sul treno, durante brevi tragitti mattutini.




Titolo: Mistero a Villa del Lieto Tramonto *
Autore: Minna Lindgren
Editore: Sonzogno
Pagine: 284
Prezzo: 16,50 euro

Trama:
A Villa del Lieto Tramonto, ridente casa di riposo immersa nella foresta vicino a Helsinki, è l'ora del caffè e, come al solito, Irma e Siiri, due vivaci novantenni ospiti della residenza, amano trascorrere quel momento in perfetto relax. Dopo le partite a canasta, le lezioni di ginnastica dolce, il whiskino prescritto dal medico o le riunioni del gruppo per la memoria, un'oretta di svago ci vuole per scambiarsi ricordi di giovinezza o spettegolare sul funerale del giorno, che è pur sempre una festa e un avvenimento per curare il proprio look. Ma soprattutto, l'ora del caffè dà l'occasione per criticare il regolamento e l'incuria del personale specializzato, quello che figli e nipoti, per guarire i sensi di colpa, chiamano "servizi di eccellenza". Per fortuna dalla Villa si può anche uscire, andare in giro in tram per rifarsi l'occhio con le bellezze della capitale finlandese, e così a Siiri, Irma e alla loro terza compagna, Anna-Liisa, capita di osservare, con bonario sarcasmo, le stranezze del mondo moderno che le circonda. A turbare la routine delle tre amiche è però un fatto terribile: la morte, in circostanze misteriose, del giovane cuoco, sempre gentile e pieno di allegria, accompagnata da una serie di episodi inquietanti che rivelano il lato sinistro di quel rifugio, ora non più così accogliente. Provette Miss Marple, Siiri, Irma e Anna-Liisa si trasformano in intraprendenti investigatrici.

Cosa mi ha colpita:
Che bello il rinnovamento grafico delle edizioni Sonzogno!!! Lo ammetto, sono stata attirata dalla copertina e dal titolo. Ne aspetto una copia e non vedo l'ora di averlo tra le mie manine.

Quando mi piacerebbe leggerlo:
A.A.A. Cercasi disperatamente libro ghiacciato per difendermi dalla calura estiva.





Titolo: Il mondo in una stanza *
Autore: J.L.Berg
Editore: Nord
Pagine: 351
Prezzo: 16,40 euro

Trama:
Lailah Buchanan non è mai andata al cinema, non ha mai fatto un viaggio, non è mai stata baciata. E tutto per colpa di un grave difetto cardiaco che la costringe a passare gran parte del suo tempo in ospedale, in attesa del giorno in cui potrà fare tutte quelle piccole cose che sono normali per ogni altra ragazza e che lei annota nella sua Lista del prima o poi. 
Ma, quando dopo l'ennesima ricaduta i medici le dicono che solo un trapianto potrà salvarla, Lailah inizia a pensare che quei desideri non si avvereranno mai... 
Da quasi tre anni, Jude Cavanaugh si aggira come un fantasma tra i corridoi dell'ospedale in cui ha dovuto dire addio alla fidanzata. Dal giorno di quel maledetto incidente, Jude ha rinunciato a guidare l'azienda di famiglia e ha iniziato a lavorare lì come infermiere, quasi fosse l'unico modo per restare ancora in contatto con la sua Megan e affrontare i sensi di colpa. Però tutto cambia nell'istante in cui conosce Lailah. Perché quella ragazza tanto fragile eppure determinata a resistere riesce a fare breccia nella sua corazza e risveglia sentimenti che lui credeva di aver perduto per sempre. Così, quando scopre la Lista del prima o poi, Jude decide di aiutare Lailah a spuntare ogni voce dell'elenco. E, più tempo passa con lei, più Jude ha l'impressione di essere lui il malato e lei la sua salvatrice. Ma l'amore che sta sbocciando fra loro darà anche a Lailah la forza - e il coraggio - di essere felice.

Cosa mi ha colpita:
Dopo aver steso un velo pietoso sulle copertine Nord che sono tutte uguali, posso dire che la trama sembra meravigliosa. Mi incuriosisce tanto, e sento che potrebbe rivelarsi davvero una lettura emozionante. 

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Durante una calda notte insonne,





Titolo: La strada delle Fiandre
Autore: Claude Simon
Editore: Neri Pozza
Pagine: 267
Prezzo: 14,00 euro

Trama:
Il protagonista dell'opera, Georges, torna dal fronte dopo la disfatta del maggio 1940, quando l'esercito tedesco sbaraglia dapprima le truppe belghe e poi quelle francesi nella sua avanzata verso sud. Come in un incubo, Georges rievoca la ritirata sulla strada delle Fiandre. Una disfatta che, ai suoi occhi, appare non soltanto come la decomposizione di un esercito, ma del mondo stesso, nell'istante in cui il capitano de Reixach, piantato sul cavallo esposto nel bel mezzo della strada, senza neppure prendersi la pena di sospingerlo fin sotto a un melo, aveva trovato la morte. Aveva trovato la morte o, piuttosto, aveva cercato la morte? Perché il capitano se ne stava così diritto e rigido in sella, come se stesse sfilando a una rivista e non in piena ritirata? Quella posa elegante e chic in mezzo allo sfacelo aveva a che fare con l'onore di un ufficiale di cavalleria dinanzi alla morte oppure con altre, oscure ragioni? Riguardanti magari la bella Corinne, la ragazza di vent'anni più giovane che de Reixach aveva sposato in un'eco di scandalo, di indignazione, di gelosia e di sussurri intorno alle tazze di tè? Nel sovrapporsi dei ricordi, la misteriosa fine del capitano finisce col simboleggiare, per Georges, l'ineffabile fine del mondo che sua madre, una de Reixach, gli ha sempre decantato: quel mondo fatto di spettri circondati di leggende, di dicerie d'alcova, di colpi di pistola, di atti notarili e di spade tintinnanti.

Cosa mi ha colpita:
Non sembra affatto una trama leggera, ma è interessante.Ultimamente le storie che hanno a che fare con la guerra mi ammaliano.

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Ottobre inoltrato.





Titolo: Chi teme la morte *
Autore: Nnedi Okorafor
Editore: Gargoyle
Pagine: 463
Prezzo: 19,90 euro

Trama:
In un'Africa post-apocalittica, dopo aver schiavizzato gli Okeke, i Nuru hanno deciso di sterminarli. Una donna sopravvissuta allo stupro di un soldato nemico metterà al mondo un'impetuosa bambina con i capelli e la pelle chiari come la sabbia: Onyesonwu, che in lingua antica significa "chi teme la morte?". 
Fin da piccola, la testarda Onyesonwu è una fonte di guai. Lei è una Ewu, la figlia di uno stupro alla quale spetta una vita di violenze, una meticcia rifiutata da entrambe le tribù. Ma Onye non è una Ewu comune. Le sue straordinarie capacità sono solo i primi segni di una magia impressionante e unica. E durante uno dei suoi momenti di rapimento, Onye scopre che qualcuno di potente sta cercando di ucciderla. Nel tentativo disperato di comprendere la propria natura e di sfuggire allo sconosciuto assassino, sarà obbligata a lasciare la propria casa in una ricerca che si rivelerà pericolosa oltre ogni possibile immaginazione.

Cosa mi ha colpita:
Come forse saprete, io non sono una lettrice forte di Fantasy, ma la trama di questo mi è sembrata davvero originale.

Quando mi piacerebbe leggerlo:
In montagna d'estate.





Titolo: La mia eccezione sei tu
Autore: Patrisha Mar
Editore: Newton Compton
Pagine: 248
Prezzo: 9,90 euro

Trama:
Finalmente è arrivato il giorno del tanto atteso colloquio di lavoro e Sara deve fare bella figura. Sono già due anni che si è laureata, ma né in campo professionale né in quello sentimentale sembra che la sua vita abbia preso una piega accettabile. E adesso eccola, traballante su tacchi troppo alti, in ritardo cosmico - grazie alla simpatica sveglia che non suona quando dovrebbe e a un autobus che ha deciso di saltare una corsa - sotto la sede della rivista di moda e gossip più letta del momento. 
Sara deve avere quel lavoro... Ma la giornata a quanto pare è nata storta e può solo peggiorare. E infatti, come una ciliegina sulla torta, l'ascensore che è riuscita a prendere al volo pensa bene di bloccarsi. Uno scossone prima e un altro a breve distanza ed è chiaro che non ripartirà. Ma Sara lì dentro non è sola... Accanto a lei c'è qualcuno. Qualcuno che soffre di claustrofobia e che è sul punto di avere un attacco di panico. A meno che lei... non si faccia venire qualche idea geniale per impedirlo. Un'idea così geniale che lascerà il segno...

Cosa mi ha colpita:
Banalissima storia d'amore?
Banalissimo modo d'incontrarsi?
Forse si. Ma ormai non mi fido più delle trame. Scopriremo tutto leggendo.

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Perfetta lettura da ombrellone, sole e limonata ghiacciata.





Titolo: I colori della crudeltà
Autore: Joseph Zoderer
Editore: Bompiani
Pagine: 263
Prezzo: 18 euro

Trama:
Richard ha un solo amore, una sola ossessione: Ursula. Quando lei lo lascia, Richard decide di acquistare una casa in montagna dove ricostruire il legame con la moglie, Selma, che ancora lo ama profondamente, e i loro due figli. Ed ecco che l'uomo si trova a oscillare tra due mondi: da una parte la città, la sua vita frenetica, i ricordi dell'amore perduto; dall'altra la vita in montagna, un idillio che dovrebbe portare pace nel suo animo. 
Ma all'improvviso succede l'imprevedibile: Richard viene inviato a Berlino dal giornale per cui lavora. 
E' il 1989, il muro sta per crollare, e con esso il mondo così come era stato concepito fino a quel momento. Nel mezzo di questi sconvolgimenti, riappare Ursula e Richard dovrà decidere una volta per tutte che corso dare alla sua vita. Con la sua prosa intensa e poetica, Joseph Zoderer racconta una storia sulle possibilità dell'amore e le ferite che può procurare, sulla volontà di un uomo di vivere più di una vita senza perdere di vista se stesso.

Cosa mi ha colpita:
Che meraviglia questa cover *.* Poetica. Anche la trama sembra intensa.

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Su un'altalena, in mezzo al verde.





Titolo: Mille tempeste  
Autore: Tony Sandoval
Editore: Tunuè
Pagine: 138
Prezzo: 18,90 euro

Trama:
Lisa, la protagonista, è una ragazza che ama girare da sola in spazi aperti in cerca di oggetti strani e particolari. Un giorno s'imbatte in un albero dalla forma bizzarra: sembra un portale e la ragazzina non può fare a meno di cedere all'impulso di attraversarlo. Ma una volta dall'altra parte, i suoni non sono più gli stessi, il paesaggio è cambiato e gli spiriti sembrano sussurrarle all'orecchio. Lisa ha un brutto presentimento e torna indietro, ma ormai ha intrecciato il suo destino con quello del mondo dall'altra parte. Il richiamo a ritornarci diventa irresistibile.

Cosa mi ha colpita:
Questa Graphic Novel (quasi horror) deve essere mia! Conosco bene le tavole di Tony Sandoval, e adoro il suo stile. Vi lascio un meraviglioso esempio:















































Titolo: Il sogno più bello
Autore: Hester Browne
Editore: Garzanti
Pagine: 427
Prezzo: 16.90 euro

Trama:
Rosie ha trent'anni ed è una delle più famose wedding planner di Londra. Organizza ricevimenti indimenticabili in un lussuoso e antico hotel dalle ampie sale e dagli scintillanti addobbi. Nessuno sa quanto lei qual è il fiore più adatto per il centrotavola, il colore più alla moda per le tovaglie o la musica perfetta per creare la giusta atmosfera. Tutte le spose della città vogliono i suoi consigli. Eppure per Rosie la preparazione del giorno più bello della vita non ha nulla di romantico. Si tratta solo di lavoro. Perché lei non crede più nel matrimonio. Perché Rosie non può dimenticare il momento in cui è stata abbandonata sull'altare. Da allora non riesce a intravedere nessun lieto fine all'orizzonte, nessuna promessa che possa durare per sempre. Fino a quando non è costretta a lavorare fianco a fianco con Joe, tornato da un viaggio intorno al mondo per curare il suo cuore ferito. Ma, nonostante tutto, Joe non ha smesso di avere fiducia nella forza di Cupido. Tra i due lo scontro è immediato. I loro obiettivi non potrebbero essere più diversi. Per Joe è importante che gli sposi siano sicuri di fare la scelta giusta e non importa se il ricevimento salta. Per Rosie si tratta solo di affari e la carriera è l'unica cosa su cui ha concentrato tutta se stessa dopo la fine della sua relazione. Eppure, giorno dopo giorno, Joe riesce a fare breccia nel suo cinismo. A mostrarle che se è vero che l'amore a volte può ingannare e far soffrire, a volte può anche regalare nuove inaspettate possibilità.

Cosa mi ha colpita:
A voi, questa storia, non ricorda vagamente qualcosa? Esatto! Il film Prima o poi mi sposo con Jennifer Lopez e Matthew McConaughey. Sembra carino, ma la trama è decisamente già sentita!

Quando mi piacerebbe leggerlo:
In momenti di depressione amorosa.






Titolo: Tu sei il mio desiderio *
Autore: Elizabeth Anthony
Editore: Garzanti
Pagine: 271
Prezzo: 16.40 euro

Trama:
Oxfordshire, 1921. Le antiche sale della dimora di Belfield Hall sono troppo ampie e solitarie per Madeline. A diciassette anni, sola al mondo, è stata costretta a lasciare il suo paese, la Francia, per andare in Inghilterra, patria del suo tutore. In questa terra lontana la ragazza non conosce nessuno, tutto le sembra ostile. Solamente nell'immensa biblioteca riesce a ritrovare il sorriso. Lì, tra quelle pareti colme di libri che parlano di mondi da scoprire, ha trovato il suo rifugio. Eppure un giorno tutto cambia. Passeggiando per i boschi, quasi per caso, si imbatte nel guardacaccia della tenuta: Nathan Mallory. I suoi modi bruschi e arroganti non riescono a celare la bellezza dei suoi occhi. I suoi occhi scuri come il buio più profondo, che sono capaci di leggere fin negli abissi della sua anima. Madeline rimane senza fiato e cerca di resistere. Vengono da mondi diversi e cedere alla tentazione è sbagliato. E proibito. Ma anche inevitabile. 
Perché i loro cuori parlano la stessa lingua. Quella della passione, del desiderio, della fusione luna nell'altro senza timori. Fino al momento in cui il giorno arriva, il fuoco della notte si spegne e i segreti che Nathan le ha nascosto vengono a galla. Segreti che parlano di Mr Maldon, duca di Belfield, l'uomo che l'ha accolta e protetta. L'uomo che ora più che mai ha bisogno di lei, per difendere la sua relazione con Sophie che ancora una volta è in pericolo. Madeline è davanti a un bivio.

Cosa mi ha colpita:
Di questa autrice desidero da molto tempo "Tu sei mia", e come anche in questo caso, ero stata attratta dal fatto che la storia a sfondo erotico fosse ambientata in un'epoca passata.

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Al buio, con una torcia per illuminare le pagine.





Titolo: Le incantatrici *
Autore: Boileau - Narcejac
Editore: Adelphi
Pagine: 198
Prezzo: 18 euro

Trama:
La prima volta che Pierre Doutre vede quella incantevole, esile ragazza bionda - "di un biondo luminoso, irreale, che le fluttuava intorno come un riverbero" - è al funerale del padre, il celebre illusionista noto come "professor Alberto". E un attimo dopo gli sembra di vivere in un sogno, o piuttosto in un incubo: perché ne vede un'altra, identica, e pensa che sia una fata, capace di "sdoppiarsi a suo piacimento". Ben presto però scoprirà, con una sorta di voluttuoso stupore, che le fate sono due, ugualmente ammalianti. Di quel padre lontano e assente, del quale nei lunghi anni di collegio si è sempre vergognato, Doutre imparerà il mestiere; e se diventerà famoso quanto lui sarà grazie a un numero costruito proprio sulla incredibile somiglianza tra le gemelle da colei che sembra essere ormai la vera figura dominatrice della sua esistenza: la madre, la rapace Odette. A poco a poco, sedotto dal fascino ambiguo e perturbante delle sue partner, Pierre si ritroverà invischiato in un gioco perverso, un gioco di specchi in cui realtà e finzione, eros e morte, innocenza e colpa si scambiano continuamente i ruoli - con, sullo sfondo, la maschera della morte.

Cosa mi ha colpita:
Trama intrigante e suggestiva, elegantissima come sempre la grafica Adelphi.

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Nelle sere fresche di Settembre, sorseggiando una bevanda dolce.






Titolo: Scambi, equivoci eppiù torbidi inganni
Autore: Gaetano Cappelli
Editore: Marsilio
Pagine: 194
Prezzo: 16 euro

Trama:
Che cos'è la fortuna? Un fluido etereo, un magnetismo sulfureo? Dio che ci sorride dall'alto o il demonio che ci dà di gomito dagli inferi? Ma qualunque cosa sia, non c'è bisogno d'essere metafisici per sapere che esiste. E lo scrittore Lorenzo Dalré lo sa meglio di tutti. Ha, infatti, tutto quello che ognuno potrebbe desiderare. Un mestiere invidiabile, una casa confortevole, due deliziosi figlioletti, un allegro "bichon frisé" e, soprattutto, una magnifica moglie che mantenendolo, gli permette di fare il suo lavoro senza troppo affaticarsi. Così è da tempo che, invece di dedicarsi al suo fantomatico capolavoro, si trastulla in fantasiose acrobazie sessuali con una favolosamente bella, sebbene assai burina, amica della consorte. E tutto funziona alla perfezione finché, scoperta la tresca e trovatosi improvvisamente senza un soldo fuori di casa, Dalré cercherà rifugio dal padre Anacleto, generale ed eroe della patria, eppoi nuove distrazioni tra le braccia della sfrenata Sandra Bonsanti, cinica matrimonialista e moglie del deputato inquisito Filippo Torregrossa, inciampando, per un terribile equivoco, nell'inchiesta che interessa il politico ma, soprattutto, in Mauro Spaltro, l'inetto magistrato che farà del caso il trampolino di lancio verso l'ambita carriera politica. E questo tra i quartieri borghesi, le palestre vip, i covi per scambisti e i salotti più o meno intellettuali della Roma dei nostri giorni, alla vigilia dell’inchiesta “Mafia Capitale”, popolata da una galleria di coloratissimi personaggi come l’ex imprenditore e ora idraulico “per signore”, Paride Matelica; o Riccarda, la Bovary di Tor Bella Monaca, che legge le Cinquanta sfumature ma declama colte citazioni rubate da internet; o don Ario, missionario in Nigeria, afflitto dal senso di colpa per aver avuto tra i suoi scolari il fondatore di Boko Haram; o lo strampalato Lip, capace di vendere le sue idee da fattone ai grandi marchi di moda. Evocati insieme a molti altri ancora, metteranno in moto il perfetto meccanismo a orologeria di una di quelle ironiche, irriverenti, scorrettissime commedie che hanno fatto di Gaetano Cappelli uno dei nostri più amati scrittori.

Cosa mi ha colpita:
Ho sentito parlare molto bene di Gaetano Cappelli, e l'estate scorsa avevo anche avuto l'occasione di vederlo dal vivo al Festival SalernoLetteratura.

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Nei noiosi pomeriggi d'agosto.





Titolo: Musica dalla spiaggia del paradiso *
Autore: John Ajvide Lindqvist
Editore: Marsilio
Pagine: 426
Prezzo: 18.50 euro

Trama:
Una mattina d'estate, un gruppo di ospiti di un campeggio non lontano da Stoccolma si risveglia in mezzo al nulla. Ogni cosa è stata cancellata, gli alberi, il lago, gli scogli e il chiosco, è tutto scomparso. Intorno ai villeggianti increduli - dieci persone, un cane e un gatto - c'è solo una landa desolata, ricoperta da un prato perfettamente rasato e sovrastata da un cielo blu e senza sole, così uniforme da apparire artificiale. Ogni contatto con la realtà è interrotto. 
Non rimane che il segnale di una misteriosa stazione radiofonica, che trasmette senza sosta le canzoni di Peter Himmelstrand, uno dei più noti cantautori svedesi di musica leggera. Musica pop a ripetizione, Abba in testa. Com'è possibile che queste persone siano finite lì con le loro roulotte? Sono state spostate oppure è la realtà a essere svanita? In questo luogo surreale, capace di scatenare le reazioni più violente e irrazionali, ogni adulto si troverà a fare i conti con gli spettri del passato. Sovvertendo gli schemi classici della "camera chiusa" della letteratura del terrore, Lindqvist non intrappola i suoi personaggi in uno spazio angusto e senza via d'uscita, ma li cala in un luogo sconfinato e senza ostacoli, da cui tuttavia è impossibile fuggire. Perché non esiste un altrove se non l'abisso altrettanto minaccioso della coscienza.

Cosa mi ha colpita:
C'è da chiederlo? Ma avete letto la trama? Come posso resistere? Una delle novità più interessanti del periodo!

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Una notte senza stelle.






Titolo: Come i fiori di notte
Autore: Lisa See
Editore: Longanesi
Pagine: 432
Prezzo: 18.60 euro

Trama:
San Francisco, 1938. La città è pronta per la grande esposizione e dei tuoni di guerra in Europa non giunge che un'eco distante. Grace, Helen e Ruby si conoscono poco prima di un provino come ballerine per un nuovo nightclub alle porte di Chinatown. Accomunate dalle origini orientali, le tre ragazze hanno alle spalle storie molto diverse, che però parlano tutte di alienazione. Grace Lee, nata nel Midwest da genitori cinesi, è appena fuggita di casa portando con sé solo le sue ferite e un paio di scarpette da ballo; Helen Fong vive nella dimora tradizionale dei suoi, prigioniera di un futuro che non ha scelto; la spregiudicata Ruby Tom ha lasciato la famiglia alle Hawaii per costruirsi una finta identità. Spinte da questo vuoto, cementeranno un'amicizia fondata sulla condivisione di un sogno. Un sogno di chiffon e lustrini che, se per loro significa riscatto e fama, confermerà un cliché che le vuole in bilico fra tradizione e trasgressione, discriminazione e desiderio, sottomissione e libertà: creature esotiche da esibire tra un numero di acrobati e uno spettacolo di magia. Ben presto, però, il loro legame sarà messo a dura prova da rivalità e gelosie, oltre che dall'irrompere di una guerra solo in apparenza lontana. Fra tradimenti e riconciliazioni, ciascuna di loro dovrà fare i conti con il fantasma del proprio passato, per difendere ciò che rimane del presente...


Cosa mi ha colpita:
Conosco l'autrice ma non ho mai letto nulla di suo. La trama sembra interessante e ricca, inoltre tutta al femminile.

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Mentre la brezza primaverile accompagna l'alba.






Titolo: Il grande male
Autore: Georges Simenon
Editore: Adelphi
Pagine: 147
Prezzo: 18.00 euro

Trama:
Al centro di questo romanzo si staglia - occhiuta, dispotica, orgogliosa - una figura femminile tra le più memorabili delle tante che Simenon ci ha regalato: quella della signora Pontreau. Vedova, con tre figlie, barricata in una sprezzante e dignitosa miseria, la vediamo, in una delle prime scene a cui assistiamo, spingere giù dalla finestrella del granaio, con implacabile freddezza, il genero paralizzato da una crisi di epilessia. 
La morte di quel buono a nulla, di quell'inutile biondino dalle gambe molli, le consentirà di mettere le mani su una parte della proprietà e di riprendere un saldo controllo sulle figlie. Ma sullo sfondo, delirante e minacciosa, c'è un'altra donna, una vecchia domestica a ore, che forse ha visto, che forse ha dei sospetti, e che potrebbe parlare, o ricattarla. Perché tutto sia soffocato, perché una greve cappa di silenzio scenda sulle vittime e sui colpevoli, e perché ogni cosa, il paese come la grande casa dalle finestre sprangate delle Pontreau, ripiombi in una calma sinistra, il prezzo da pagare sarà altissimo ma soprattutto occorreranno altre vittime. Con la crudele esattezza che è soltanto sua, Simenon ha ritratto una società arcaica e ripiegata su stessa, in cui è il potere delle donne a decidere della vita e della morte.

Cosa mi ha colpita:
Un giallo, che d'estate ci sta sempre. E la penna di Simenon (il suo commissario Maigret resterà indimenticabile), che dovrebbe non tradire mai.

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Altra lettura particolare da portare in spiaggia.





Titolo: Jaybird *
Autore: Lauri e Jaakko Ahonen
Editore: Elara
Pagine: 128
Prezzo: 24,90 euro

Trama:
Un giovane uccellino timoroso di ogni cosa vive un'esistenza isolata e piena di solitudine in un'immensa casa spettrale. 
Si occupa di tenere tutto in ordine, in silenzio, e accudisce sua madre inferma. Ha cura di lei da bravo figlio amoroso e non è mai uscito, perché Mamma gli ha detto che fuori di casa, in attesa oltre le finestre sprangate, ci sono solo orrori e creature malvage. Orrori che non devono entrare ma che forse, spiando attraverso le fessure delle finestre, si sono già accorti di lui...

Cosa mi ha colpita:
Questa è una chicca scovata per puro caso sul web. Si tratta di una Graphic Novel di genere New Weird, scritta e disegnata da due artisti finlandesi. Sono rimasta affascinata da alcune tavole. Vi lascio un esempio:








Titolo: Grey
Autore: E.L. James
Editore: Mondadori
Pagine: 583
Prezzo: 19 euro

Trama:
Christian Grey ama avere il controllo su tutto: il suo mondo è ordinato, metodico e completamente vuoto fino al giorno in cui Anastasia Steele irrompe nel suo ufficio come un turbine con il suo corpo incantevole e i suoi splendidi capelli castani. Lui cerca di dimenticarla, ma invece viene travolto da una tempesta di emozioni che non riesce a capire e a cui non può resistere. A differenza di tutte le donne che Christian ha conosciuto prima di lei, Ana, timida e ingenua, sembra arrivargli dritto al cuore, un cuore freddo e ferito, e vedere oltre la sua immagine di imprenditore di successo e il suo stile di vita esclusivo e lussuoso. Con Ana, Christian riuscirà a scacciare gli incubi della sua infanzia e i fantasmi del passato che lo perseguitano ogni notte? Oppure i suoi oscuri desideri sessuali, la sua ossessione per il controllo e l'odio verso se stesso che riempiono la sua anima allontaneranno Ana e distruggeranno la fragile speranza che lei gli sta offrendo?

Cosa mi ha colpita:
Segnalo questa uscita per coloro che hanno amato la trilogia della James. Il volume è, a mio parere, una pura e semplice trovata commerciale per cercare di speculare ancora sulla storia di Christian e Anastasia.


Quando mi piacerebbe leggerlo:
Non credo che lo leggerò mai.






Titolo: Padiglioni lontani
Autore: M.M. Kaye
Editore: E/O
Pagine: 1146 (che bello, un mattonazzo)
Prezzo: 22 euro

Trama:
Siamo nell'India britannica, nel pieno della rivolta dei Sepoy del 1857. Ash è solo un bambino quando perde entrambi i genitori, lei indiana e lui inglese. Sarà la sua balia hindu a salvarlo. 
Per un caso fortunoso il piccolo Ash salva la vita al giovanissimo Marajà ed entra al suo servizio, fra intrighi di palazzo e peripezie di ogni genere. Fino a quando, ad appena dodici anni, sarà costretto a fuggire per sottrarsi a una fine orrenda. In qualità di ufficiale delle Guide, un corpo scelto dell'esercito britannico, cercherà di difendere la sua terra tanto dai soprusi dei suoi fratelli inglesi quanto dalla violenza di quelli indiani, sempre in cerca di se stesso, lacerato fra le sue due identità. Fra intrighi, tempeste di sabbia, assedi e inseguimenti nella giungla, dovrà superare culture e religioni per incontrare l'amore e cambiare per sempre il destino dell'India.

Cosa mi ha colpita:
Wow. Un vero e proprio mattone estivo. Fantastico! Si tratta di un romanzo storico, ma che sembra ricco di umanità, e di avventura, e di mistero. Mi affascina molto l'ambientazione nell'India dell'800-900.

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Perfetto per essere il compagno di una lunga vacanza al mare.







Titolo: Younger *
Autore: Pamela Redmond Satran
Editore: Piemme
Pagine: 277
Prezzo: 16.90 euro

Trama:
A volte nella vita basta dire... sì. Così, quando Alice capisce che non ne può più di fare la casalinga divorziata nel New Jersey, decide di tornare a Manhattan, dalla sua vecchia amica Maggie, per "ricominciare". 
Ma come, se a 40 anni suonati, dopo quindici dall'ultima volta che è entrata in un ufficio, nessuna azienda che si rispetti potrebbe mai prenderla in considerazione per un lavoro? E così che quando Maggie le dà un'idea, Alice non può che lasciarsi convincere: fingersi una ventiseienne. Colpi di sole, jeans stretti, tacco alto, ed ecco che, nella notte di Capodanno, Alice diventa... la se stessa di vent'anni prima. 
Ben presto trova lavoro in una casa editrice, e incontra Josh, un ragazzo che portava i pannolini quando lei era al liceo. Per la prima volta da quando aveva "davvero" 26 anni, o anche da prima, Alice capisce che la vita può essere piena di possibilità. Anche se, una di queste, è che la scoprano - specie quando Josh decide di fare sul serio...

Cosa mi ha colpita:
Mi piace che sia una lettura divertente e frizzante. Belli i colori flash in copertina!


Quando mi piacerebbe leggerlo:
In macchina, durante le attese in città.






Titolo: Se tornasse Natale
Autore: Giacomo Cacciatore
Editore: Baldini e Castoldi
Pagine: 197
Prezzo: 16 euro

Trama:
Bruno, un bambino che vive a Palermo nei dintorni del mercato di Ballarò, una mattina aspetta in macchina il padre, Natale Lo Bianco, andato alla Vucciria per comprare la torta per il suo compleanno. Il piccolo, quel giorno, compie otto anni e la sua famiglia ha organizzato una festa. Ma l'attesa diventerà lunga, lunghissima, e alla fine Natale - gommista e ladruncolo d'auto incurante delle regole della mafia - non tornerà più indietro. 
Da quel momento in poi a Bruno toccherà fare i conti con una cosa che non conosce e non ha mai sentito nominare prima: la scomparsa per lupara bianca. Alla sua età, "scomparire" ha il senso infantile eppure inquietante di una magia. E sarà proprio grazie a una bacchetta magica, regalo di compleanno trovato nella scatola di giochi del mago Silvan, che il bambino proverà a far ritornare suo padre, e a rimettere a posto le cose in una famiglia che ha scelto di sopravvivere dimenticando quella tragedia, nascondendola dietro un muro di omertà e illusione.

Cosa mi ha colpita:
Il tema nella mafia, sia in letteratura che al cinema (o nelle serie tv) è sempre interessante, trattandosi di un fenomeno che è presente e condiziona molte realtà del nostro paese.


Quando mi piacerebbe leggerlo:
Nel mese di Marzo, seduta su un muretto.






Titolo: Volevo essere Lady Oscar *
Autore: Marie-Renée Lavoie
Editore: Sperling & Kupfer
Pagine: 218
Prezzo: 16,90 euro

Trama:
Il suo nome è Hélène, ma si fa chiamare Joe e vuole essere trattata come un maschio per assomigliare a Lady Oscar, l'eroina del suo cartone animato preferito. Come lei, vorrebbe vivere in un'epoca leggendaria e compiere grandi gesta eroiche con i capelli al vento, perché ha un animo romantico e una fantasia avida di drammi epici. Per sua sfortuna, vive però negli, anni Ottanta, in un quartiere popolare di Québec in cui si aggirano molti ex pazienti di un istituto psichiatrico (più che alla corte di Versailles, assomiglia a una corte dei miracoli) e dove l'unica grande impresa alla sua portata è la consegna dei giornali all'alba. Dopotutto, ha solo otto anni, anche se finge di averne dieci. Il suo mondo è fatto di tre sorelle, un padre molto occupato a essere malinconico e una madre dal pugno di ferro. E poi c' è Monsieur Roger, il vicino ottantenne che passa le giornate a fumare, bere birra e imprecare, mentre aspetta con impazienza che giunga la sua ora. Contro ogni aspettativa, a furia di battibeccare, tra la ragazzina impertinente e il vecchio scorbutico nasce un'amicizia indissolubile, e Roger diventa per Hélène un improbabile angelo custode: pronto a guidarla tra le piccole avventure quotidiane in quelle strade di periferia e a vegliare su di lei quando si ritroverà smarrita. Perché crescere è anche conoscere le prime delusioni: sentire arrivare - come Lady Oscar - quel vento della rivoluzione che spazza via il mondo come l'abbiamo sempre conosciuto.

Cosa mi ha colpita:
Ma che carina questa trama! Quando in un romanzo si incrociano due diverse generazioni (come accade anche in 'Ogni giorno come fossi bambina' di Michela Tilli) è sempre affascinante.
P.S- La copertina è orribile!


Quando mi piacerebbe leggerlo:
Durante  un pomeriggio afoso di Luglio.






Titolo: MareMadre
Autore: Cristina Dotto Viglino
Editore: E/O
Pagine: 134
Prezzo: 14,50 euro

Trama:
Una donna della prima metà del '900, il "secolo breve" raccontato in controluce, un tracciato di storia e di passioni. La sua vita di impegno e di lotta, la sua strada "ostinata e contraria", tessuta nella comprensione degli eventi e degli animi della gente, il suo amore privo di confini per l'unica figlia, la loro - reciproca - educazione sentimentale. 
E poi il comune percorso, l'unisono straordinario di un amore che le anse amare della storia hanno rafforzato e consolidato, l'alleanza profonda e inviolabile di due donne consanguinee per caso ma innamorate per scelta. Sullo sfondo di quasi mezzo secolo si staglia, maestosa e bellissima, nascosta e superba, una Genova conchiglia e baia e porto, approdo ancestrale per riprendere respiro dopo ogni giorno di fatica. 
Le pagine sfogliano un immaginario album di fotografie, e le istantanee invecchiate e ingiallite raccontano episodi e frammenti, in una cucitura precaria di tessere di un puzzle, precario come la vita stessa.
Cosa mi ha colpita:
Non amo le sinossi indefinite... Non riesco a capire nulla della storia che il libro vuole raccontarmi, quindi mi piacerebbe sfogliarlo in libreria e leggerne le prime pagine per farmi un'idea.

Quando mi piacerebbe leggerlo:
In una serata di solitudine.






Titolo: Il giardino persiano *
Autore: Chiara Mezzalama
Editore: E/O
Pagine: 192
Prezzo: 17 euro

Trama:
Estate 1981, una famiglia prepara i bagagli per recarsi in un luogo insolito. Il padre, diplomatico, è stato nominato ambasciatore d'Italia a Teheran. Fin dall'arrivo all'aeroporto i personaggi vengono proiettati in un mondo pieno di violenza, interdizioni, donne velate di nero, uomini barbuti, soldati armati. Su tutti domina la figura potente e inquietante dell'Ayatollah Khomeini. In questa cornice fosca si apre lo spazio incantato del giardino dell'ambasciata, antica residenza di principi persiani, che nasconde misteri e promesse di giochi senza fine, in un tempo fuori dal tempo, laddove ogni rapporto con l'esterno è fortemente compromesso dalla situazione storica e politica dell'Iran di quegli anni. 
Romanzo autobiografico." Il giardino persiano" racconta la storia di una famiglia alle prese con un Paese stravolto dalla rivoluzione islamica e dalla guerra con l'Iraq. Lo sguardo è quello dell'infanzia, che permette di conservare una sorta di candore anche sulla realtà più dura e cruenta. Il gioco diventa un contenitore di emozioni e pensieri, trasformando la quotidianità in una grande avventura.

Cosa mi ha colpita:
Tematica purtroppo attualissima, e che sono davvero curiosa di affrontare in letteratura!

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Appena possibile :)






Titolo: Brilleremo tra un milione di soli
Autore: Beth Revis
Editore: Piemme
Pagine: 383
Prezzo: 18,50 euro

Trama:
Sono passati tre mesi da quando Amy è stata risvegliata dal suo sonno di ghiaccio: ormai sta dimenticando com'era vivere sulla Terra e ovunque guardi vede solo le pareti di metallo della nave spaziale Godspeed. Ma forse c'è una speranza: adesso è Elder ad avere il potere. II ragazzo che ormai ha imparato a conoscere, di cui si fida e per cui non può negare di provare una forte attrazione. Ed Elder è un capo molto diverso dai precedenti: non vuole più mentire agli abitanti della nave. Ci sono ancora molte verità, però, che lui per primo non conosce e che aspettano di essere dette: quanto monca davvero prima di atterrare su Terra-Centauri? E cosa è successo durante l'Epidemia che ha decimato gli abitanti della nave? Elder e Amy dovranno scoprire insieme il segreto che si nasconde tra le pareti della Godspeed. Mentre a ogni passo rischiano di accendersi focolai di rivolta sulla nave, e anche se il loro amore rischia di distrarli dai pericoli che li circondano...

Cosa mi ha colpita:
Esce finalmente il seguito tanto atteso di Across the Universe. C'è un solo problema... La copertina -_-
Lo stile è completamente differente da quello del primo volume!!! E' stato infatti ristampato anche quest'ultimo, per accordare a livello grafico i due libri:








Titolo: Come fossi una bambola *
Autore: Emma La Spina
Editore: Piemme
Pagine: 240
Prezzo: 18,00 euro

Trama:
Sarebbe bello fosse una storia d'altri tempi, quella di Giovanna, Simona, Tiziana e Barbara. Invece è drammaticamente recente. Tutte e quattro hanno vissuto l'infanzia in un istituto religioso per bambine abbandonate. Tutte uguali, come sfornate con lo stampino, i vestitini bianchi e i capelli a caschetto, tagliati con la scodella. Uno stampino che gli hanno imposto a forza. Con in fondo al cuore il bisogno disperato di una mamma e la dura realtà quotidiana da affrontare, fatta di solitudine, durezza e privazione. 
Scontano la pena di essere figlie di una qualche colpa, con l'oscura consapevolezza che un posto sicuro per loro forse non ci sarà mai. Tiziana aveva una bambola senza un braccio che le dava sicurezza mentre assisteva al via vai di uomini in casa, "stai buona che mamma lavora". Poi un giorno le hanno tolto entrambe, mamma e bambola, senza darle niente in cambio, solo gelo. Meglio non averla mai conosciuta o non ricordarsela più, la mamma. Come Giovanna, Simona e Barbara, gettate via da donne che il parto non ha reso madri. I loro sogni non dovranno mai fare i conti con la realtà. Bambine, ragazze e poi donne, insieme fin da quando hanno memoria, senza mai essere davvero amiche perché nella giungla c'è spazio solo per la lotta alla sopravvivenza. Intrecceranno i loro destini, diversi ma in fondo uguali: amori facili, violenti e umilianti, il corpo e il cuore sempre in svendita.

Cosa mi ha colpita:
Non posso resistere a storie del genere, soprattutto se, come in questo caso, scopro che sono storie vere.

Quando mi piacerebbe leggerlo:
In un parco abbandonato.






Titolo: Dog Crazy
Autore: Meg Donohue
Editore: Harlequin Mondadori
Pagine: -
Prezzo: 14,90 euro

Trama:
Specializzata nell'assistenza a chi deve affrontare il lutto per la perdita di un amico a quattro zampe, Maggie Brennan usa un mix di empatia, intuizione e humor per aiutare i suoi pazienti. 
E' molto brava nel suo lavoro, ha un dono speciale nel guidare gli altri attraverso situazioni difficili, ma la stessa cosa non si può certo dire per lei, che deve ancora imparare a gestire la sua paura per le novità. Tutto cambia quando un giorno si presenta nel suo ufficio una donna che sostiene che il suo cane non è morto, ma è stato rubato. Partita alla ricerca dell'animale per le strade di San Francisco, Maggie si trova coinvolta in una storia misteriosa che la costringerà ad affrontare le sue paure più profonde e ad aprire il suo cuore a un nuovo amore.

Cosa mi ha colpita:
Adoro i cani. E mi piacciono i libri che ne parlano. 

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Jolly (si può leggere sempre e ovunque).






Titolo: La ragazza di Orchard Street *
Autore: Susan Jane Gilman
Editore: Piemme
Pagine: 530
Prezzo: 19,50 euro

Trama:
Malka è solo una bambina quando, nel 1913, fugge con la sua famiglia dalla Russia per approdare a New York. Una bambina che sogna di vivere in una fabbrica di gelati e non sa nulla dell'immenso paese che l'aspetta. Qui, nelle strade del Lower East Side, in mezzo a mille lingue e mille sogni diversi, Malka viene adottata da una famiglia italoamericana di venditori ambulanti di gelato, i Dinello, che la ribattezzeranno Lillian. 
Grazie a loro, il suo sogno infantile sembra quasi diventare realtà: comincia a imparare tutti i segreti di quella cosa - il gelato - che per lei voleva dire felicità. Da allora ne ha fatta di strada: insieme all'uomo che sarà il suo primo grande amore, grazie a un'intelligenza del tutto fuori del comune e a un innato genio degli affari, Lillian finirà per rilevare l'attività dei Dinello e diventare la produttrice numero uno di gelati in America. 
Ma mentre lei diventa una celebrità, immortalata dai fotografi con il suo tailleur Chanel rosa fragola (molto prima di Jackie), il passato comincia ad allungare i suoi artigli su di lei. Perché non possiamo mai davvero lasciarci alle spalle ciò che siamo stati da piccoli. 
Un romanzo sul sogno americano, che attraversa tutto il '900, la storia di una vita straordinaria raccontata dalla protagonista stessa, Lillian Dunkle, un personaggio che prende vita nelle pagine mentre racconta, a settant'anni, la sua storia di ascesa e declino, di povertà e poi ricchezza, di amori e poi di abbandoni, di celebrità e poi di rimpianti.

Cosa mi ha colpita:
La sinossi è davvero intrigante, e soprattutto un po' nuova in questa valanga di libri distopici e romance. 

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Verso la fine dell'estate, mentre il caldo comincia ad abbandonarci.






Titolo: After 2 - Un cuore in mille pezzi
Autore: Anna Todd
Editore: Sperling & Kupfer
Pagine: 465
Prezzo: 17,90 euro

Trama:
Dopo il loro incontro, niente è stato più come prima. Superato un inizio burrascoso, Tessa e Hardin sembravano sulla strada giusta per far funzionare le cose. Tessa si era ormai arresa al fatto che Hardin... è Hardin. Con il suo carattere, la sua rabbia. Ma anche simpatico, divertente, dolce - quando vuole - e dannatamente sexy. Eppure la rivelazione sulle origini della loro relazione ha lo stesso l'effetto di una bomba. Tessa è sconvolta, fuori di sé. La sua vita prima di lui era così semplice e chiara. Ora, dopo di lui, è solo... dopo. Chi è davvero Hardin? Il ragazzo di cui si è perdutamente innamorata nonostante tutto? O uno sconosciuto, un bugiardo fin dal principio? Vorrebbe allontanarsene. Ma non è così facile. Non con il ricordo delle sue braccia intorno a lei. Della sua pelle. Del suo tocco. Dei suoi baci affamati. E non è sicura di poter sopportare un'altra bugia, un'altra promessa non mantenuta. Per lui, ha messo tutta la sua vita tra parentesi - l'università, gli amici, il rapporto con sua madre, un ragazzo che l'amava sul serio, e forse anche una promettente carriera nell'editoria. Ora Tessa deve andare avanti. Con o senza di lui. Ma Hardin sa di aver commesso un errore, forse il più grande della sua vita, e non ha intenzione di arrendersi senza combattere. Saprà cambiare? Cambiare ... per amore?

Cosa mi ha colpita:
Segnalo quest'uscita per chi sta seguendo la serie e quindi ha già letto il primo libro. 

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Non mi dispiacerebbe (più per curiosità che per altro) portarli entrambi con me in vacanza al mare.






Titolo: Un'ora sola
Autore: Marco Bosonetto
Editore: Piemme
Pagine: 431
Prezzo: 18,90 euro

Trama:
Andrea aspetta la figlia quindicenne nel parcheggio di una discoteca, in una notte di gennaio. Nonostante il gelo scende dall'auto per ingannare l'attesa. Lì vicino c'è una donna infreddolita, come lui. Una sconosciuta. Nasce una conversazione imbarazzata, di circostanza, sulle sigarette, i figli che ritardano. Poi Laura riconosce Andrea ed è come se il tempo facesse un salto indietro di trent'anni, al 1982. Andrea, il compagno di scuola delle medie, "intelligente e profondo". Laura, la ragazzina arrivata in provincia da Milano, diversa da tutte le altre, capace di tenere testa ai bulli della scuola, di giocare a calcio con i maschi, di far innamorare perdutamente Andrea. Ma anche Federico. La loro sarà un'amicizia straordinaria, sempre in bilico su qualcosa di più, che attrae e nello stesso tempo intimorisce i tre ragazzi. Finché qualcosa spezza la felicità dell'estate più bella della loro vita, dell'Italia campione del mondo, separandoli. Trent' anni dopo, il destino offre ad Andrea e Laura un'altra possibilità? O gioca loro un brutto scherzo? "Quella donna è pericolosa", dice Anita, la figlia di Andrea. Le è bastato captare pochi sguardi fra quei due adulti all'uscita dalla discoteca per capire che le cose per la sua famiglia non saranno più le stesse.

Cosa mi ha colpita:
Non sembra una trama particolarmente originale, ma potrebbe uscirne fuori una bella storia. Molto romantica l'idea di ritrovarsi dopo tanti anni.

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Sul balcone di casa, guardando la gente che vive.






Titolo: Il gusto del paradiso *
Autore: Nine Antico
Editore: Coconino Press - Fandango
Pagine: 104
Prezzo: 16 euro

Trama:
Il divertente racconto di un'educazione sentimentale anni Novanta. Un graphic novel autobiografico sul passaggio dall'infanzia all'età adulta, attraversato da una sottile e corrosiva ironia contro gli stereotipi sulla femminilità. Educazione borghese e ribellione: "Il gusto del paradiso" si potrebbe leggere come una versione moderna delle "Memorie di una ragazza perbene" di Simone de Beauvoir.

Cosa mi ha colpita:
Semplice ma sempre efficace l'idea dell' 'educazione sentimentale'.
Anche in questo caso, trattandosi di una graphic, sono rimasta affascinata dallo stile dell'autrice. 







Titolo: Freddo come la pietra
Autore: Jennifer L. Armentrout
Editore: Harlequin Mondadori
Pagine: -
Prezzo: 14,90 euro

Trama:
Layla Shaw deve rimettere insieme la sua vita andata in pezzi: impresa non facile per una ragazza di diciassette anni, praticamente certa che le cose non possano andare peggio di così. Il suo migliore amico, Zayne, straordinariamente bello, è da considerare off-limits, a causa del misterioso potere che da sempre affligge Layla: il suo bacio è in grado di rubare l'anima di chi lo riceve. Fuori questione, quindi, l'idea di poterlo baciare. Inoltre, il clan dei Warden, che l'ha sempre protetta, comincia a nascondere segreti pericolosi. E per finire, Layla non vuole pensare a Roth, sexy e trasgressivo principe dei demoni, che riusciva a capirla come nessun altro. Ma talvolta toccare il fondo è solo l'inizio. Perché all'improvviso i poteri di Layla iniziano a crescere e le viene concesso un assaggio di ciò che finora le era sempre stato proibito. Poi, quando meno se lo aspetta, Roth ritorna, con notizie che potrebbero cambiare il suo mondo per sempre. Sta finalmente per ottenere quello che ha sempre desiderato ma il prezzo potrebbe essere più alto di quanto Layla è disposta a pagare.

Cosa mi ha colpita:
Secondo volume della serie 'The Dark Elements', della quale posseggo ma non ho letto già il primo.

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Serie decisamente dalle atmosfere cupe, perfetta per i mesi di Ottobre e Novembre.






Titolo: Memorie di una interprete di guerra
Autore: Elena Rzevskaja 
Editore: Voland
Pagine: 461
Prezzo: 20 euro

Trama:
Mosca, ottobre 1941. Sono passati quattro mesi dall'attacco della Germania hitleriana all'URSS. 
Elena Rzevskaja, ventiduenne, lascia la fabbrica di orologi dove lavora e si iscrive a un corso per interpreti militari. Inizia un'avventura che la porterà a diventare testimone attenta e partecipe della guerra, in un movimento continuo che attraverso cittadine e villaggi sconvolti dal conflitto la condurrà al fronte, e infine a Varsavia e a Berlino. Ed è qui, nel suo ruolo di interprete militare, che la giovane Elena si troverà nel maggio del '45 al centro della misteriosa vicenda del riconoscimento del corpo carbonizzato di Hitler, di cui Stalin non informa neanche il maresciallo Zukov, comandante dell'Armata Rossa che entra vittoriosa in Berlino.
E a questo punto il libro da narrazione diventa anche un documento storico che contribuisce a chiarire una delle vicende più oscure della Seconda guerra mondiale.

Cosa mi ha colpita:
Un documento storico più che una narrazione. Mi interessa guardare con gli occhi di una ventenne quel periodo disastroso che ha rappresentato la seconda guerra mondiale.

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Durante il mese di Febbraio, con il freddo che si attacca alle ossa.






Titolo: Sei tu il mio per sempre
Autore: Katy Evans
Editore: Fabbri Editori
Pagine: 316
Prezzo: 15,90 euro

Trama:
Brooke ha reinventato se stessa dopo la tragedia che le ha cambiato la vita, e ora lavora come fisioterapista. Quando la sua migliore amica la trascina a un combattimento clandestino di pugilato, basta uno sguardo di Remington Tate l'enigmatico vincitore dell'incontro - a sconvolgere ogni sua certezza. Data la sua fama, quando Remington la invita nello spogliatoio Brooke pensa che si tratti solo di una notte di sesso. Invece il dolce viso di Brooke l'ha colpito con la stessa forza di un gancio che ti coglie alla sprovvista. Remy la vuole a ogni costo e, pur di averla accanto, la assume come fisioterapista. Brooke accetta subito, anche se non ha la minima idea di che cosa l'aspetta. Resistere alla bellezza e alla perfezione di quel corpo è impossibile. Resistere alla sensualità di quelle labbra e di quel sorriso sfrontato è totalmente inutile. Brooke non ha altra scelta che abbandonarsi a Remington, a quel piacere devastante che soltanto lui è capace di farle provare e all'amore incondizionato che pretende. Ma cosa succederà quando il lato oscuro di Remy prenderà il sopravvento?

Cosa mi ha colpita:
Ehm... Combattimento clandestino? Ragazza ingenua e sprovveduta? Ho l'impressione di aver già letto questa storia... Vi lascio indovinare a cosa mi riferisco.

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Momenti di puro relax, magari in vasca da bagno.






Titolo: The queen of the tearling *
Autore: Erika Johansen
Editore: Multiplayer Edizioni
Pagine: 387
Prezzo: 19 euro

Trama:
Il giorno del suo diciannovesimo compleanno, la principessa Kelsea Raleigh Glynn, cresciuta in esilio, intraprende un pericoloso viaggio verso il castello in cui è nata, per riprendersi il trono che le spetta di diritto. 
Determinata e coraggiosa, Kelsea adora leggere e non somiglia affatto a sua madre, la fatua e frivola regina Elyssa. 
Protetta dal gioiello del Tearling uno zaffiro blu dagli straordinari poteri magici - e difesa dalla Guardia della Regina - un gruppo scelto di cavalieri guidato dall'enigmatico e fedele Lazarus - Kelsea ha bisogno di tutto l'aiuto possibile per sopravvivere alle cospirazioni dei nemici, che proveranno a impedire la sua incoronazione con agguati, tradimenti e incantesimi di sangue. Una volta diventata regina, e nonostante il nobile lignaggio, Kelsea si dimostra troppo giovane per un popolo e un regno dei quali sa ben poco, oltre che per gli orrori inimmaginabili che infestano la capitale. Kelsea deve scoprire di quale tra i suoi servitori fidarsi, perché rabbia e desiderio di vendetta si annidano fra i nobili di corte e perfino fra le sue stesse guardie del corpo. La sua missione per salvare il regno e compiere il suo destino è appena cominciata: Kelsea sarà chiamata ad affrontare un viaggio alla scoperta di se stessa e una prova del fuoco che la farà diventare una leggenda... se solo riuscirà a sopravvivere!

Cosa mi ha colpita:
*.* *.* *.* *.* Lo voglioooooo!

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Subito!!!!!!!







Titolo: Una ragazza con la valigia
Autore: Sanda Pandza
Editore: L'Asino d'oro
Pagine: 151
Prezzo: 12 euro

Trama:
Gigantografie di Tito alle pareti, l'inno jugoslavo cantato con orgoglio il giorno del giuramento da pioniere. Così ha inizio la storia di Petra, legata a doppio filo con quella della sua terra, la Croazia. In prima persona, la protagonista narra gli episodi più importanti della sua giovane vita: con delicatezza accenna al primo amore e alla consapevole scoperta della sessualità: con passione ricorda i giorni del liceo, le lezioni di letteratura e le amicizie; con fervore alza la voce e si scaglia contro le ingiustizie del sistema, l'obbligo a un'esercitazione militare finita in tragedia, e contro la rigida autorità paterna. AI suo fianco, l'inseparabile amica Maja; sullo sfondo, le vicende politiche che condurranno la Jugoslavia nell'incubo di una guerra assurda. Proiettili come farfalle nere taglieranno il cielo di Spalato mandando in frantumi la quotidianità, le certezze e i sogni di Petra, ma non la sua voglia di vivere e di cercare la bellezza in ogni cosa.

Cosa mi ha colpita:
Mi incuriosisce l'ambientazione. Ho già letto della guerra Jugoslava nel meraviglioso 'Venuto al mondo' di Margaret Mazzantini, ma da un punto di vista piuttosto esterno. 

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Lettura difficile, calza a pennello d'inverno.







Titolo: Un anno con Salinger *
Autore: Joanna Rakoff
Editore: Neri Pozza
Pagine: 287
Prezzo: 17 euro

Trama:
Gonna e maglioncino da ragazza perbene, stile Sylvia Plath allo Smith College, ogni mattina Joanna Rakoff si reca sulla Quarantanovesima ed entra nel palazzo stretto e anonimo in cui ha sede l'agenzia letteraria dove lavora. Un'agenzia antica, prestigiosissima, probabilmente la più antica tra quelle ancora in attività nella metà degli anni Novanta a New York. Lì sta seduta tutto il giorno, con le gambe accavallate su una poltroncina girevole a rispondere agli ordini del suo capo, la "direttrice" dalle dita lunghe, snelle, bianche che si accende una sigaretta dietro l'altra con un'enfasi degna di Lauren Bacali. Ogni frase, ogni gesto e commento della direttrice, e di Olivia, Max e Lucy gli agenti, un distillato del fascino démodé dell'Agenzia con le loro presentazioni al KGB Bar, e la loro vita fatta di una sequenza infinita di feste - le rammentano che l'agenzia non è solo un'azienda, ma uno stile di vita, una cultura, una comunità, una casa. Qualcosa di più simile a una società segreta o a una religione, con dei rituali ben definiti e delle divinità da adorare: Fitzgerald, una sorta di semidio; Dylan Thomas, Faulkner, Langston Hughes e Agatha Christie, divinità minori e, alla guida del pantheon, la più pura, assoluta divinità, lo Scrittore rappresentato da sempre dall'agenzia: Jerry, alias J.D. Salinger. Avvezza già all'era digitale dei Macintosh nella New York della metà degli anni Novanta, Joanna viene spedita davanti a un dittafono, un aggeggio degli anni Cinquanta...

Cosa mi ha colpita:
Questo volume sembra non avere una trama vera e propria, ma mi attira da morire! Una delle uscite che più attendevo questo mese. Lo prenderò sicuramente. Per gli amanti della letteratura è un must have!

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Spaparanzata su una poltrona di pelle antica.







Titolo: Va tutto bene
Autore: Alberto Madrigal
Editore: Bao Publishing
Pagine: 123
Prezzo: 16 euro

Trama:
Una delicata ode alla vita e ai piccoli sogni che scorrono nelle vene di una grande città.

Cosa mi ha colpita:
Una graphic novel tutta da scoprire. La copertina è immensamente evocativa. Ecco alcune tavole, per farvi un'idea del tratto di Madrigal:












Titolo: La piccola ottantenne che cambiò tutte le regole
Autore: Catharina Ingelman Sundberg
Editore: Newton Compton
Pagine: 383
Prezzo: 12 euro

Trama:
Martha Andersson e la sua banda di ottantenni, dopo aver lasciato il triste ospizio di Stoccolma dove erano alloggiati, hanno finalmente raggiunto le rutilanti luci di Las Vegas. E la loro occasione per rifarsi una nuova vita e per rendere migliore quella di tanti anziani che vivono in ristrettezze o chiusi in desolati ospizi cadenti. Ora, sotto il nome d'arte di "La Banda dei Pensionati", stanno per manomettere con i loro classici trucchi i sistemi di sicurezza di uno dei casinò più grandi della città! Poi, qualche operazione finanziaria tramite computer per trasferire i soldi in Svezia e via!, si ritorna in patria... ma solo per scoprire che un hacker insospettabile ha deviato tutti i loro beni sul suo conto. Martha e i suoi inseparabili amici devono ricominciare tutto da capo e per farlo come si deve in tranquillità si trasferiscono in una villa in riva al mare... dove vengono presi di mira dai loro vicini, gente davvero poco raccomandabile... Riusciranno i nostri eroi dai capelli d'argento tutti rapine, sciroppi e dolcetti a battere sul tempo e in furbizia i giovani delinquenti che si aggirano a bordo di favolose moto lucide e rombanti? O stavolta la nostra Banda dei Pensionati ha fatto davvero il passo più lungo della gamba, finendo in un terribile guaio?

Cosa mi ha colpita:
Secondo volume della serie de 'La banda degli insoliti ottantenni'. Ho letto che si tratta di un romanzo molto divertente, ma non so dirvi di più. 

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Non mi interessa iniziare questa serie, per adesso.








Titolo: La mia meravigliosa rivincita
Autore: Penelope Douglas
Editore: Newton Compton
Pagine: 342
Prezzo: 9,90 euro

Trama:
Sono passati due anni dall'ultima volta che si sono visti. Due anni in cui non hanno fatto altro che covare rancore reciproco. Ma la verità è che Madoc e Fallon sono stati ingannati e tenuti lontano l'uno dall'altra dai rispettivi genitori. E ora che Fallon è tornata, vuole vendicarsi di tutto il dolore che è stata costretta a sopportare. Solo che non ha messo in conto il brivido di rivedere Madoc. Forse, nonostante tutto, i suoi sentimenti per lui non sono così cambiati e Madoc, dal canto suo, proprio non riesce a detestarla come vorrebbe...

Cosa mi ha colpita:
Terzo volume della Fall Away Series, che ha protagonisti diversi dal primo e dal secondo libro. Ne segnalo l'uscita a chi sta seguendo la serie.

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Per adesso non ho voglia di leggerlo.






Titolo: Radio Imagination *
Autore: Seiko Ito
Editore: Neri Pozza
Pagine: 202
Prezzo: 16,50 euro

Trama:
C'è una radio che non ha bisogno di microfoni, frequenze e studi di registrazione perché va in onda soltanto nell'immaginazione di chi l'ascolta. Il suo speaker è "il superlogorroico dalla lingua sciolta" DJ Ark che trasmette dalla cima di una cryptomeria. 
DJ Ark ha la netta sensazione di trovarsi impigliato tra i rami di quella pianta da un bel pezzo, ma ha un vago ricordo di ciò che gli è accaduto. Ricorda soltanto di aver sentito uno strattone improvviso e di essere stato sballottato e trascinato a decine di metri dal suolo da una forza improvvisa. Certo, sa di avere trentotto anni, un passato senza gloria da musicista rock e da manager musicale, una moglie dolcissima di nome Misato e un figlio, Sosuke, che studia negli Stati Uniti; ma, per quanto si sforzi, non riesce a trovare una spiegazione razionale che chiarisca il motivo per cui si trovi lassù, tra i rami alti di quella pianta, come fosse il monaco buddhista Roben che, secondo la leggenda, fu preso da un'aquila quando era ancora in fasce e lasciato, appunto, in cima a una cryptomeria. 
In ogni caso fa davvero freddo da quelle parti e a DJ Ark non resta che trasmettere musica a tutto spiano, dai Monkees a Bob Geldof, a Jobim, e lanciare nell'etere una quantità esorbitante di argomenti, sovraccarico com'è, come un camion sferragliante che traballa a destra e a manca.

Cosa mi ha colpita:
Sinossi originalissima, quasi geniale. Irresistibile!


Quando mi piacerebbe leggerlo:
Col caldo e le allucinazioni.



__________



Finalmente ce l'abbiamo fatta. Il post termina qui. 
Come vedete ce n'è davvero per tutti i gusti (e non vi ho nemmeno segnalato tutto!). 
Ora non vi resta che scegliere quali libri accompagneranno questa vostra estate. E, dato che sono curiosissima, fatemi sapere se avete già pronta una TBR per le vostre vacanze!

Buona vita e buone letture!

8 commenti:

  1. Quante belle uscite! Quest'estate le case editrici si sono superate! Alcuni, come Dog Crazy e Volevo essere Lady Oscar erano già in wish list e adesso ho aggiunto Il mondo in una stanza e Mille tempeste.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mondo in una stanza sembra davvero bellissimo! Visto che belle le tavole di Mille tempeste? Da bava alla bocca *.*

      Elimina
  2. Sandoval (l'ho conosciuto per caso con Watersnakes e inutile dire che è stato amore), poi Jaybirds e Va tutto bene. Credo che solo per questi tre titoli dovrò accendere un mutuo ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahauhauhah, a chi lo dici!!! Adoro Sandoval. Di suo ho letto Oltre il muro (si è occupato delle tavole di questo volume, ma non del testo scritto).

      Elimina
  3. Oh mamma! Sono veramente tantissimi e tutti interessanti!!! Sicuramente il primo che leggerò sarà quello di John Ajvide Lindqvist, ho proprio voglia di leggere un suo nuovo libro dopo Lasciami entrare !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh lo so... Davvero tanti! La trama del nuovo di Lindqvist è irresistibile. Lo sai che io non ho letto Lasciami entrare??? Me lo consigli?

      Elimina
  4. Volevo essere Lady Oscar mi ispira tanto!! Molto carino quello di Minna Lindgren :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, sembra tenero e profondo *.* Quello della Lindgren lo leggerò presto! <3

      Elimina

Ciao, lascia pure un segno del tuo passaggio... mi farai felice :)