lunedì 20 aprile 2015

Ti consiglio un libro #1 - Ho bisogno di essere amato, proprio come chiunque altro




Salve miei amati lettori e bentornati su Sfogliando la vita.
Oggi sono molto emozionata, e lo sono per due motivi. Il primo è che sto per parlarvi di uno dei più bei libri che ho mai letto in tutta la mia vita, e presto vi spiegherò perchè.
Il secondo è che questo sarà il primo di una serie di post che scriverò in collaborazione con Benedetta (philosophia2014), una meravigliosa ragazza che parla di libri (e lo fa con passione) su youtube. Qui trovate il suo canale. Andate a dare un'occhiata ai suoi video. E' incredibilmente coinvolgente ed esprime pareri veri e sinceri. Da lei ho preso moltissimi spunti di lettura.

Abbiamo deciso, ogni mese, di recensire un libro a testa. Come sceglieremo i suddetti romanzi? Semplice. Ciascuna di noi consiglierà un libro che ha molto amato all'altra.

In questo primo appuntamento Benedetta ha deciso di consigliarmi Eleanor & Park di Rainbow Rowell, ed ecco le parole con cui ha motivato la sua scelta:

"Hai presente quando entri distrattamente in libreria e ti ritrovi tra le mani un libro per caso?Bene, quello è il momento in cui mi sono perdutamente innamorata di questa storia.Non ho scelto questo libro, mi è semplicemente capitato tra le mani. Leggere le parole di R.Rowell è stato un po'  come ricordare quella nota dolceamara così presente negli anni adolescenziali, è stato riprendere in mano il passato, immergersi nelle parole di due adolescenti in parte delusi e sconfitti e ripercorrere insieme le mie esperienze passate, ritrovando insieme a loro quel briciolo di serenità, non dimenticato, ma impresso nella malinconia. Ti consiglio questo libro perchè leggendolo potrai imparare ad ascoltare il tuo cuore.I protagonisti ti riempiranno l'anima di gioia e di  dolore,ti terranno con il fiato sospeso e ti regaleranno sofferenza,more e normalità. Non potrai non emozionarti, queste parole ti travolgeranno..."

Ed io invece? Cosa avrò consigliato, questo mese, a Benedetta?
Se siete curiosi di scoprirlo, correte immediatamente sul suo canale.

Ma ora, parliamo di...

#27







Tenere la mano di Eleanor era come tenere una farfalla. O un cuore pulsante. Come tenere qualcosa di compiuto e di compiutamente vivo.
Appena la toccò si chiese come fosse riuscito a resistere tanto senza farlo. Le sfregò il pollice su tutto il palmo, lungo le dita, attento a ogni suo respiro.


Era da troppo tempo che non provavo quella specifica sensazione, in un punto imprecisato tra lo stomaco e il cuore, quella sensazione che almeno una volta nella vita un lettore prova.
Era da troppo tempo che non desideravo che, il libro che stavo leggendo, non finisse mai, che procedesse e viaggiasse per sempre nelle vite dei personaggi.
Perchè questo libro è vivo, come sono vivi Eleanor & Park. Li percepisci così veri e delineati, così autentici e vicini che, se ascolti bene, puoi sentirne il lieve respiro tra le pagine.
E così, mentre leggevo, volevo fermarmi. Tornare indietro. Rileggere, sfogliare. Piangere di nuovo e ridere di nuovo. Vivere tutta la storia per un numero di volte infinito.
La storia che, con una prosa somigliante a dei binari magici che sanno potarti esattamente dove vogliono, Rainbow Rowell ci regala è quella di due ragazzi, nel pieno della loro adolescenza, due anime confuse che si uniscono senza parole. Le loro vite si intrecciano come le cuffiette quando le tieni troppo a lungo in tasca e poi non riesci più a sbrogliarle. Non capirai mai come abbiano fatto ad annodarsi così strette.

Tutto ha inizio nel 1986, in un pulmino che tutte le mattine porta Park, un ragazzo di origini asiatiche, a scuola. Eleanor è la nuova arrivata. Capelli che più rossi non si può, abbigliamento mascolino e ricco di dettagli coloratissimi come foulard e spille. Un viso disseminato di lentiggini che richiamano immediatamente gli occhi di Park.
Il loro primo aggancio sono i fumetti, che Eleanor sbirciando con la coda dell'occhio riesce a leggere seduta accanto a Park. Senza bisogno di parole i loro due cuori si acciuffano,e si riconoscono.
Le loro timidezze e le loro solitudini sembrano combaciare, anche se non sanno nulla l'uno dell'altra.
Park non può conoscere la durissima situazione familiare di Eleanor, e dal suo sguardo indecifrabile non potrebbe mai captare i suoi dolori. Ma avverte l'energia che il suo corpo emana quando si trova vicino al suo. Avverte la certezza, quasi assoluta, di doverle parlare, doverla conoscere, di dover entrare nella sua vita.

La loro è una storia fatta di dettagli. Un walkman, tanti brani emozionanti e significativi, pile di fumetti, un po' di vaniglia dietro il collo, una telefonata che è come un primo appuntamento, il cambio manuale, la pelle bianca, il desiderio di non lasciarla andare.
Una lettura con i suoi picchi di gioia ed i suoi burroni di dolore, ma che tra curve e dossi, ti porta nella direzione univoca dell'amore.

Leggere Eleanor & Park è stato come azionare un vecchio proiettore e lasciar scorrere lente ma allo stesso tempo vorticose le immagini della mia adolescenza, non perchè io abbia vissuto le stesse identiche esperienze dei protagonisti, ma perchè ne ho riconosciuto gli odori, i suoni, l'essenza. Il profumo della crescita, del dolore così giovane e amplificato, delle scoperte e degli imbarazzi.
E sono salita su quel pulmino tutti i giorni con loro, ho ascoltato le loro cassette, ho letto e sfogliato i fumetti e insieme a loro ho sofferto per ogni singolo dispiacere.
E ho capito che quando si dice 'la letteratura è vita' non è solo una frase retorica. Non se parliamo di romanzi come questo.Romanzi composti da emozioni, tanto intatte da poterle guardare ad una ad una negli occhi, tanto solide da poterle toccare e tanto vigorose da poterne sentire il peso sulle spalle.

Come capita sempre, quando ami molto qualcosa o qualcuno, non riusciresti mai a spiegare perchè lo ami, come te ne sei innamorato, o di che cosa nello specifico. Sai soltanto, che da quando l'hai conosciuto qualcosa dentro di te si è mosso.
Ecco, Eleanor & Park ha rappresentato un movimento dentro di me, un mutamento, un sobbalzo. E non so dire nient'altro.
Se ora, qualcuno di voi mi chiedesse di parlargli di tutto, e dico tutto, quello che ho provato leggendo questo romanzo, probabilmente mi riuscirebbe soltanto di balbettare.
Poi però mi verrebbe un'idea. Anzi due.
La più banale: vi comprerei una copia del romanzo e ve la regalerei pregandovi in ginocchio di leggerlo immediatamente ( e non la chiamerei esattamente una trovata geniale).
Oppure vi infilerei le cuffie e farei partire i brani che risuonano come sottofondo in questo prezioso e specialissimo libro, e che ricreano il sound irripetibile della giovinezza.

















Eleanor...In piedi alle sue spalle finchè lui non si voltava. Distesa al suo fianco un attimo prima che lui si svegliasse. Capace di rendere chiunque altra più scialba, insignificante e inadeguata.Eleanor che rovinava tutto.Eleanor che se n'era andata.

Voto:

Capolavoro

_______


E voi? Avete letto questa meraviglia? Cosa ne pensate?
Fatemi sapere tutto nei commenti!

Buona vita e buona lettura.






14 commenti:

  1. Questo libro è di una tenerezza infinita, quel misto di esaltazione e dolore che solo la vita vera può donare... Come ho detto altrove, se lo avessi letto a quindici anni mi avrebbe fatto un gran bene e forse avrebbe cambiato un pochino la mia visione del mondo di allora.. Sono felice di averlo letto e come te sono ritornata indietro con gli anni e non avrei voluto mai che la lettura finisse!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai avuto esattamente le mie stesse sensazioni :) Credo che entrambe lo rileggeremo molte volte :) :) :)

      Elimina
  2. Ogni volta che leggo un tuo articolo,il cuore batte come se mi fossi persa tra le righe di un romanzo.Questo accade perchè sei una di quelle persone in grado di tasmettere attraverso dei semplici e lineari caratteri ogni emozione impressa nei romanzi. Attraverso le parole riesci a colpire dritto al cuore il lettore. Credo che il tuo blog meriti davvero tanto e che la tua passione esploda in ogni tua parola,perchè la letteratura fa parte di te ed è proprio come se leggendo le tue parole non si riuscisse a cogliere il distacco tra te e il libro. Ti fondi con il libro e con le parole esprimi te stessa. Questo è bellissimo. Sono davvero felice di collaborare con te. Ti abbraccio forte;)
    Benedetta(philosophia2014)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille *.*
      Questo commento mi rende felice, perchè capisco che forse qualcuno riesce davvero ad emozionarsi attraverso le mie parole. Grazie davvero...
      Un abbraccio grande e non vedo l'ora di leggere il tuo prossimo consiglio ;)

      Elimina
  3. Che meraviglia questa recensione *_*
    Ho questo libro in wishlist da una vita e non so davvero perché ancora non mi sia decisa ad acquistarlo.. so solo che ora vorrei averlo qui per iniziarlo subito ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille *.* Leggilo, leggilo, leggilo! Ti pregooooo...

      Elimina
  4. un libro di cui ho sentito parlare tantissimo ma che non ho ancora letto! bellissima recensione *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille!!! Sono sicura che sarebbe di tuo gradimento... Leggilo al più presto!

      Elimina
  5. Come sempre, recensione bellissima <3 Prima o poi mi deciderò a leggerlo? ^^

    RispondiElimina
  6. stupenda recensione, canzoni stupende, il libro deve essere stupendo

    RispondiElimina
  7. Ho pianto tantissimo alla fine del libro, l'ho trovato anche io meraviglioso! :)

    RispondiElimina

Ciao, lascia pure un segno del tuo passaggio... mi farai felice :)