lunedì 16 febbraio 2015

Profumo di pagine nuove #17 - La seconda parte del post più lungo che sia mai esistito



Buongiorno cari lettori e bentornati su Sfogliando la vita!
Prosegue la sfilza di uscite letterarie degli ultimi quindici giorni circa (se vi siete persi la prima parte cliccate qui). Partiamo immediatamente!!!


_________



Titolo: Oltre le regole (The Tattoo Trilogy)
Autore: Jay Crownover
Editore: Newton Compton
Pagine: 345
Prezzo: 9,90 euro

Trama:
Shaw Landon è la tipica brava ragazza di buona famiglia. Sa cosa i suoi genitori si augurano per lei: voti eccellenti, un lavoro come medico, un ragazzo benestante e rispettoso che la conduca all'altare. Eppure, da sempre, Shaw è attratta da tutt'altro. Soprattutto da ciò che è l'esatto contrario di quello che dovrebbe desiderare... Rule Archer è bellissimo, fa il tatuatore, è sfacciato e arrogante, una luce negli occhi che non sembra promettere niente di buono, ma ha un sorriso capace di sciogliere un iceberg. E soprattutto è abituato a prendersi ciò che vuole. Ogni sera si porta a letto una ragazza diversa, salvo poi non ricordarne neppure il nome il mattino successivo. Rule sa bene che la bella Shaw è rigorosamente off limits, ma sembra diversa da tutte le altre ed è così difficile rinunciare anche solo ad assaggiare quell'invitante frutto proibito...

Cosa mi ha colpita:
Storia che mi ricorda vagamente quella di (ehm ehm) Uno splendido disastro. C'è sempre qualcosa che mi incuriosisce in queste storie d'amore travagliate e (anche se la trama è sicuramente banale) mi faccio sempre travolgere. Non so perchè :)

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Inverno. Neve, magari. Seduta alla finestra.




Titolo: La sopravvissuta
Autore: Carla Norton
Editore: Longanesi
Pagine: 364
Prezzo: 16,40 euro

Trama:
Reeve LeClaire sembra identica a tutte le sue coetanee: ha ventidue anni, è molto carina ed è finalmente riuscita ad andare a vivere da sola in un appartamento tutto suo a San Francisco. Ha un lavoro ed è solo un po' timida con le persone nuove. Ma la realtà è molto diversa. Sono passati dieci anni dal suo rapimento, meno di sei dalla sua liberazione fortuita. Reeve è stata tenuta prigioniera da un maniaco per tutta l'adolescenza. Se riesce, almeno in apparenza, a sembrare una ragazza qualunque, è merito della sua tenacia e dell'aiuto del dottor Ezra Lerner, lo psichiatra specializzato nel trattamento delle sindromi da cattività prolungata. Reeve vorrebbe lasciarsi tutto alle spalle, dimenticare, ma sa che non è così che funziona. Perché niente è così facile.
E quando il dottor Lerner le chiede di aiutarlo con un suo nuovo caso, Reeve sa di dover accettare. La quattordicenne Tilly è appena sfuggita a un maniaco dopo mesi di prigionia, e si rifiuta di parlare con chiunque. Solo Reeve, con le sue cicatrici e la consapevolezza di ciò che Tilly ha sofferto, riuscirà a infrangere quella barriera di silenzio ostinato, scoprendo però che dietro non c'è la voglia di guarire, ma la paura. Perché la vera minaccia è ancora là fuori. E perché Tilly non è l'unica.

Cosa mi ha colpita:
La trama di questo Thriller rientra perfettamente nei miei gusti. E' inquietante e tocca temi profondi come quello dei traumi psichici nell'adolescenza (in questo caso si tratta di pesantissimi traumi).

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Durante una serata estiva lunga e solitaria.





Titolo: Il cerchio
Autore: Jole Zanetti
Editore: Garzanti
Pagine: 88
Prezzo: 14,90 euro

Trama:
Quando Ada apre la porta del suo appartamento Roberto è in piedi di fronte a lei. La passione avvampa come una fiamma che brucia l'anima e soffoca gli scrupoli, le esitazioni, le false remore che nascono dal pudore. Poco importa se Roberto è il figlio di Luisa, la governante di casa. Poco importa se è solo un ragazzo, molto più giovane di lei. Ora quell'amore, consumato frettolosamente, poco più che un sospiro in un intervallo di follia, finisce nell'aula di un tribunale, alla luce fredda della giustizia, che interpreta le intransigenti leggi dell'uomo più che le passioni dell'essere umano. Ma ancora prima che un giudizio della collettività sul singolo, il processo si rivela essere un confronto tra due donne, due amiche-nemiche che per tren'tanni hanno vissuto esistenze strettamente intrecciate. Ada, rampolla di buona famiglia, infelicemente sposata, moderna Jezabel persa nel rimpianto di un'eterna giovinezza. E Luisa, che della famiglia di Ada è sempre stata la governante e che nella nascita di Roberto ha vissuto il più alto compimento di un'esistenza altrimenti votata alla sopravvivenza. Tutto sembra chiaro, deciso. Ma quando molti occhi si posano sulle pagine più nascoste della vita di Ada e Luisa, il cerchio che impietoso scandisce l'eterno ripresentarsi del giorno e della notte si dipana di fronte ai loro stessi occhi, e rivela come un momento, un singolo scampolo di verità, possa significare tutto.

Cosa mi ha colpita:
Wow... Che trama, ragazzi. Davvero intrigante. Mi stupisco solo del numero delle pagine.

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Durante una notte insonne.





Titolo: Mai senza te
Autore: Rebecca Donovan
Editore: Newton Compton
Pagine: 317
Prezzo: 9,90 euro

Trama:
Cal Logan è scioccato quando vede Nicole Bentley seduta di fronte a lui, in un coffee shop a migliaia di chilometri dalla loro città natale. Nessuno infatti ha più avuto notizie di lei da quando si sono laureati, un anno prima. Ma quella ragazza non è Nicole. Eppure è esattamente come quella Nicole per la quale Cal aveva una cotta. 
Il suo nome però è Nyelle Preston e non ha idea di chi lui sia. Nyelle è impulsiva e audace, la sua passione per la vita contagiosa. Proprio il contrario di Nicole. Cal ne è completamente affascinato e avvinto. Ma Nyelle è anche molto riservata. Fino all'eccesso. E più Cal scopre che cosa nasconde, meno vorrebbe sapere...

Cosa mi ha colpita:
Una storia d'amore che finalmente sembra avere delle premesse originali e diverse dal solito. Credo che potrebbe piacermi.

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Aprile, dolce dormire e sognare.





Titolo: Questo viaggio chiamavamo amore
Autore: Laura Pariani
Editore: Einaudi
Pagine: 189
Prezzo: 19 euro

Trama:
E' il 1907 quando Dino Campana fugge da Marradi alla volta di Montevideo e poi dell'Argentina. Dato che di quel viaggio non esistono fonti certe, Laura Pariani ipotizza un percorso che dalle rive del Parana lo porta ai bordelli di Rosario fino ai cantieri ferroviari di Bahia Bianca. Come succederà mezzo secolo dopo al giovanissimo Che Guevara partito a conquistare il mondo su una motocicletta, per il ventenne Dino il vagabondaggio attraverso il Sudamerica a piedi o su mezzi di fortuna - sarà un'occasione per conoscersi e sentire "con delizia l'uomo nuovo nascere". 
Una ventina d'anni dopo, durante la reclusione a Castel Pulci - tra le angherie dell'infermiere Calibàn, i pasti insipidi e le notti insonni - le domande dello psichiatra Carlo Pariani innescano nel poeta vivide memorie, lettere o telefonate mentali a compagni di viaggio, resoconti di ubriacature e feste selvagge nella pampa, in mezzo a una "natura ineffabilmente dolce e terribile".

Cosa mi ha colpita:
L'estate scorsa, durante un festival letterario avevo sentito recitare alcuni componimenti di Dino Campana. Ne sono rimasta incredibilmente affascinata.

Quando mi piacerebbe leggerlo:
In momenti pensierosi e complicati.





Titolo: Il maledetto
Autore: Joyce Carol Oates
Editore: Mondadori
Pagine: 627
Prezzo: 25 euro

Trama:
Princeton, New Jersey, inizio del Ventesimo secolo: un luogo ideale per la tranquilla vita di famiglia, un posto elegante per gente elegante. Ma qualcosa di oscuro e pericoloso sta in agguato ai confini della città. Un veleno maledetto è pronto a diffondersi per contagio tra gli abitanti: vampiri e fantasmi popolano senza tregua i sogni degli innocenti. E' la fine dell'inverno, la vigilia del Mercoledì delle ceneri, quando una potente maledizione si abbatte sulla giovane discendenza delle famiglie più in vista della città, e le loro figlie iniziano a scomparire. 
La più bella delle giovani, a pochi passi dall'altare, è sedotta e rapita da un uomo misteriosamente affascinante - un uomo dall'identità mutevole, potrebbe essere un principe europeo decaduto oppure il diavolo in persona, pronto a diffondere la sua maledizione tra la comunità dei ricchi bianchi anglosassoni. E nella foresta di pini al confine della città, si apre un attraente e terrificante mondo degli inferi... Quando il fratello della sposa scomparsa si mette in viaggio per cercarla, il suo cammino si incrocia imprevedibilmente con quello delle più illustri personalità di Princeton: da Grover Cleveland, l'unico presidente americano eletto per ben due mandati non consecutivi, a Woodrow Wilson, rettore dell'università, individuo ossessionato fino alla follia dalla brama di potere. E poi il giovane scrittore socialista Upton Sinclair, Jack London, Mark Twain: tutti tormentati da visioni maledette.

Cosa mi ha colpita:
Avete presente quando sapere di voler leggere tutto quello che un autore ha scritto anche se non avete mai letto nulla di suo, e quindi cominciate ad accumulare tutta la sua bibliografia?
Ecco, io faccio così con Joyce Carol Oates. Tutti i suoi romanzi so che mi piaceranno tantissimo. E devo averli!
P.s. Questa copertina è un capolavoro

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Autunno inoltrato. Magari ad Halloween.






Titolo: Atti osceni in luogo privato
Autore: Marco Missiroli
Editore: Feltrinelli
Pagine: 256
Prezzo: 16 euro

Trama:
Questa è una storia che comincia una sera a cena, quando Libero Marsell, dodicenne, intuisce come si può imparare ad amare. La famiglia si è da poco trasferita a Parigi. La madre ha iniziato a tradire il padre. 
Questa è la storia, raccontata in prima persona, di quel dodicenne che da allora si affaccia nel mondo guidato dalla luce cristallina del suo nome. Si muove come una sonda dentro la separazione dei genitori, dentro il grande teatro dell'immaginazione onanistica, dentro il misterioso mondo degli adulti. Misura il fascino della madre, gli orizzonti sognatori del padre, il labirinto magico della città. Avverte prima con le antenne dell'infanzia, poi con le urgenze della maturità, il generoso e confidente mondo delle donne. Le Grand Liberò, così lo chiama Marie, bibliotecaria del IV arrondissement, dispensatrice di saggezza, innamorata dei libri e della sua solitudine, è pronto a conoscere la perdita di sé nel sesso e nell'amore. Lunette lo porta sin dove arrivano, insieme alla dedizione, la gelosia e lo strazio. Quando quella passione si strappa, per Libero è tempo di cambiare. Da Parigi a Milano, dallo Straniero di Camus al Deserto dei Tartari di Buzzati, dai Deux Magots, caffè esistenzialista, all'osteria di Giorgio sui Navigli, da Lunette alle "trentun tacche" delle nuove avventure che lo conducono, come un destino di libertà, al sentimento per Anna.

Cosa mi ha colpita:
La copertina non mi piace per niente. La trama è, invece, evanescente e allo stesso tempo intensa proprio come piace a me. Staremo a vedere.

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Gennaio, sotto un'enorme coperta di lana.





Titolo: Tutta colpa di certi romanzi
Autore: Elisabeth Maxwell
Editore: Piemme
Pagine: 285
Prezzo: 15,90 euro

Trama:
"Prendete una come Bridget. Datele qualche anno di più, una figlia di undici anni, e un ex-marito gay (d'altra parte, quale maschio etero discuterebbe per ore dell'esatta sfumatura di verde di una tendina?). Ah, datele anche la solita pancetta da strizzare all'occorrenza in panciere super-elasticizzate, e avrete Sadie Fuller. 
Sadie passa le giornate tra figlia, casa e battaglie perse con la gelida domestica tedesca. Non è più giovanissima: compra occhiali da lettura a stecche, come un tempo comprava le sigarette, e ha i capelli di un castano che è il risultato della chimica applicata a svariate sfumature di grigio. E infatti, non solo per problemi di vista, di uomini non ne vede neanche col cannocchiale. 
Eppure - tenetevi forte - la notte Sadie si siede al computer e si trasforma in K.T. Briggs: un'autrice di romanzi erotici di successo, inventrice di personaggi sensualissimi in situazioni caldissime (di solito in ascensore o taxi). La aiuterà tutto questo scrivere di sesso a trovare, se non l'amore, almeno un uomo con cui condividere qualche piano di ascensore? Sembra di no. Almeno fino al giorno in cui qualcuno che assomiglia molto all'affascinantissimo amministratore delegato del suo ultimo romanzo si materializza, come per magia, nel reparto pappine per neonati del supermercato..." (Rossella Calabrò)

Cosa mi ha colpita:
Ogni tanto una lettura divertente e romantica è proprio quello di cui ho bisogno. Io, ad esempio, adoro Il Diario di Bridget Jones e leggerlo è come mangiare un cubetto di cioccolato. Ti senti subito meglio.

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Nei miei momenti tristi.






Titolo: Quando siete felici, fateci caso
Autore: Kurt Vonnegut
Editore: Minimum Fax
Pagine: 107
Prezzo: 13 euro

Trama:
Nelle università americane il "commencement speech" è il discorso ufficiale ai laureandi tenuto al termine dell'anno accademico da una personalità di spicco del mondo della cultura o della politica. Negli ultimi anni, i discorsi agli studenti di scrittori come David Foster Wallace (Questa è l'acqua) e George Saunders (L'egoismo è inutile) sono diventati grazie al passaparola dei veri e propri oggetti di culto, per gli studenti e non solo. Questo volume raccoglie nove discorsi tenuti da Kurt Vonnegut fra il 1978 e il 2004, e si propone come una piccola summa del pensiero di un maestro geniale e irriverente della letteratura del Novecento. Fra aforismi, ricordi, aneddoti e riflessioni sul mondo contemporaneo, i discorsi di Vonnegut brillano dello stesso spirito vivace e anticonformista che anima la sua narrativa; mai predicatorio, mai consolatorio, ma capace di sferrare attacchi frontali allo status quo, cantare inni alla libertà e alla creatività dell'essere umano, spiazzare e divertire con il suo humour dissacrante, Kurt Vonnegut ci parla ancora, a qualche anno dalla morte, con una voce modernissima e utile a leggere il mondo in maniera critica e potenzialmente rivoluzionaria.

Cosa mi ha colpita:
Il titolo è bellissimo, non c'è altra parola per definirlo. Mi fa emozionare e pensare. Quante volte siamo felici e non ce ne accorgiamo? Quanti giorni lasciamo passare senza riconoscere la nostra fortuna?

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Mi piacerebbe averlo subito tra le mani, per poterlo appoggiare sul comodino.





Titolo: Da quando non ci sei
Autore: Anouska Knight
Editore: Harlequin Mondadori
Pagine: 350
Prezzo: 10,90 euro

Trama:
Holly lavora in una pasticceria, chi meglio di lei potrebbe sapere che la vita è fatta a strati, proprio come una ricca torta? 
Ma a quanto pare non lo sa, e dopo la morte del marito si è rifugiata in una serena e pacata quotidianità, dedicandosi solo alla sorella e ai dolci. Finché un giorno, consegnando una torta, incontra l'enigmatico Ciaran Argyll. Le loro vite sono agli antipodi, ma l'attrazione non bada a certi dettagli. Lui le commissiona i dolci per una festa elegante che darà a casa propria, e Holly e il suo socio sono invitati, per poter incontrare un'altra cliente, interessata a ingaggiarli. Ciaran e Holly a quanto pare non riescono a stare lontani, nonostante i tabloid e un passato ingombrante per entrambi. Ma in fondo si può stare bene insieme anche se si è diversi come la panna e il cioccolato.

Cosa mi ha colpita:
Si, lo so. Sembra piuttosto banalotto, ma come al solito si tratta di uno di quei libri spensierati e allegri di cui ogni tanto sia ha bisogno. Molto belli i colori di copertina.

Quando mi piacerebbe leggerlo:
A Ferragosto, con un gelato cioccolato e panna.





Titolo: Il contrario della solitudine
Autore: Marina Keegan
Editore: Mondadori (Strade Blu)
Pagine: 210
Prezzo: 17 euro

Trama:
Nel maggio del 2012, solo cinque giorni dopo essersi laureata alla Yale University con il massimo dei voti, Marina Keegan muore in un incidente automobilistico nei pressi di Cape Code. 
Studentessa brillante, allieva di Harold Bloom, animatrice di "Occupy Yale", in attesa di uno stage al "New Yorker", all'età di ventidue anni era considerata dalla critica una delle voci più promettenti della letteratura americana. Quando la sua famiglia pubblica sul web il suo ultimo scritto, "Il contrario della solitudine", che dà il titolo a questa raccolta di saggi e racconti brevi, oltre un milione e mezzo di persone in tutto il mondo scopre nel giro di pochissime ore il suo straordinario talento. 
"Siamo così giovani. Siamo così giovani. Abbiamo ventidue anni. Abbiamo un sacco di tempo" scriveva. 
La giovinezza è il tempo, non il tempo che passa, ma il tempo che deve ancora arrivare, come un premio tanto ambito e tuttavia temuto, costituiscono il tema principale dei racconti di Marina Keegan, la sua cifra stilistica, ciò che ha fatto di lei l'icona di un'intera generazione. 
L'essere giovani e trovarsi di fronte all'orizzonte cangiante delle attese e delle opportunità: l'opportunità di cambiare vita, lavoro, di prendere decisioni importanti, di compiere un salto verso l'ignoto, di uscire dal guscio confortevole e protettivo della famiglia, del campus universitario, degli amici.

Cosa mi ha colpita:
Tutto. La sua storia. Quello che afferma sulla giovinezza. Quella speranza che tanto ci manca.

Quando mi piacerebbe leggerlo:
L'ho già comprato (lo aspettavo) e sarà una delle prossime letture. Non vedo l'ora.





Titolo: Il sangue matto
Autore: Lucrezia Lerro
Editore: Mondadori (Libellule)
Pagine: 163
Prezzo: 12 euro

Trama:
"Laggiù in profondità, accade qualcosa di incomprensibile." Così dice una delle voci che abitano queste pagine, voci di donne che si passano il testimone ed echeggiano una nell'altra nonostante abbiano timbri diversi e diverse storie: perché dentro, nella profondità del corpo, tutte si somigliano, e a ciascuna tocca affrontare ogni nuovo giorno con la sua spietatezza, secondo il ritmo ineludibile della luna. 
Il sangue matto è l'ossessione per ogni pensiero distruttivo che ti assale in quei giorni che anticipano il mestruo. E' la paura di impazzire, di sragionare all'improvviso in casa, al lavoro, per strada, nel bel mezzo di certe giornate nere che si fatica persino a raccontare a se stesse. E' il corpo che si macchia di rosso, è la difficoltà a vivere normalmente almeno sette giorni al mese. E' il lutto, il fallimento e il disgusto per non riuscire ad essere madri come la natura femminile vorrebbe. Il sangue matto è questo e molto altro... 
Eppure le donne non si arrendono, e provano a raccontarlo e a raccontarsi, cercano con ostinazione il messaggio nascosto dentro la sofferenza: perché, come scrive la psicanalista Alice Miller, "il corpo è il custode della nostra verità". Una verità che supera l'imbarazzo, il tabù e fa nascere dal ventre di queste pagine un grido: il solo rimedio per il sangue matto è l'amore.

Cosa mi ha colpita:
Tema particolarissimo e mai trattato prima in letteratura (almeno credo). Sono curiosissima. E poi, adoro le Libellule Mondadori (il formato).

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Lettura di riflessione e immedesimazione, da concedersi in momenti di relax.






Titolo: Supernova
Autore: Isabella Santacroce
Editore: Mondadori 
Pagine: 161
Prezzo: 18 euro

Trama:
Divna, Dorothy e Thomas sono tre ragazzini come tanti, che attraversano l'adolescenza, questa età di passaggio magnifica e terribile, armati dei loro sogni e circondati dai loro fantasmi. 
La vita, intorno, è dura, il mondo dei grandi si manifesta in tutta la sua inadeguatezza o - peggio - nella sua più depravata voracità. Gli adulti sono affascinati dalla luce che, come stelle appena nate, i tre amici sprigionano: ma faranno di tutto per spegnerla abusando della loro innocenza, del loro stupore, della loro curiosità. Isabella Santacroce ha scritto un romanzo coraggioso e struggente, che trova parole potenti per raccontare un mondo impronunciabile come quello della prostituzione minorile.

Cosa mi ha colpita:
Una delle uscite che attendevo di più. Non ho mai letto nulla della Santacroce ma mi attrae come se fossi un magnete e lei il frigorifero :)

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Subito!!!!!!!!!!!!!!!






Titolo: L'anello dei Faitoren
Autore: Emily Croy Barker
Editore: Giunti
Pagine: 624
Prezzo: 16 euro

Trama:
A Nora le cose stanno andando decisamente per il verso storto: la sua tesi di laurea è nelle sabbie mobili e il suo fidanzato ha appena preso un aereo per comunicarle che la loro storia è finita. 
Dopo averlo rivisto a un matrimonio in compagnia della sua nuova fiamma, sconsolata Nora si allontana vagando per i boschi quando improvvisamente si imbatte in una lapide con un'iscrizione misteriosa. Poche frasi e Nora si ritrova a sua insaputa nel regno di Faitoren, dove tutto è bellissimo, più brillante, più colorato, più caldo... ma Illissa, la mondana regina che ha preso la ragazza sotto la sua ala, nasconde ben altre intenzioni. E quando Nora se ne accorge, non può far altro che rivolgersi al mago Aruendiel, il saggio detentore delle arti magiche e acerrimo nemico di Illissa... Riuscirà Nora a sciogliere l'incantesimo più potente, quello dell'anello che il figlio di Illissa le ha messo al dito? E a tornare nel mondo reale?

Cosa mi ha colpita:
In questo periodo ho proprio voglia di una bella storia fantastica che riesca a farmi fuggire dalla realtà. Però la copertina... è orrendaaa!

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Tra Novembre e Dicembre, immersa nell'attesa del Natale.






Titolo: La donna perfetta
Autore: Amabile Giusti
Editore: Mondadori
Pagine: 209
Prezzo: 15 euro

Trama:
Visto dal di fuori, Guido Masetti sembra il fidanzato ideale. Insegnante di lettere in un liceo di Napoli, amato dai suoi studenti, sensibile e idealista, sempre cordiale con quelli che incontra a partire dal proprietario del chioschetto dove, ogni giorno, compra fiori freschi per la fidanzata... E' così che lo vede Giada, che però è separata da lui da un muro: una parete vera e propria, quella che divide la cucina di lei dal salotto di lui. 
Lei ha trentasei anni, fa la scrittrice di favole per bambine che sognano di diventare principesse ed è delusa dall'amore. Sogna un uomo romantico e divertente con uno sciame di grilli per la testa. Proprio come quel vicino di casa tanto sorridente e... così dolce con la sua fidanzata. Già: la fidanzata, ecco il problema. Le cose, però, a volte cambiano quando meno ce lo aspettiamo. Guido viene lasciato e cade in depressione. Ma proprio quando Giada sta per fare un passo verso di lui, qualcuno la precede. E' Silvia, giovane e bellissima come un angelo. Suona alla porta di Guido e a entrambi basta uno sguardo per capire di avere molte cose in comune, cominciando dagli impressionisti francesi per arrivare alla passione per il Milan. Silvia è semplicemente... perfetta! Ma sarà proprio vero? E come mai Silvia sembra non volere farsi vedere da nessuno degli amici di Guido? E possibile che non sia come appare?

Cosa mi ha colpita:
Dopo "Trent'anni...e li dimostro"  Amabile Giusti torna con un romanzo che sembra fresco e simpatico ma allo stesso tempo è misterioso. Mi ispira molto.

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Luglio, seduta in un prato, tardo pomeriggio.






Titolo: Due di noi
Autore: Emily Gould
Editore: De Agostini
Pagine: 315
Prezzo: 14,90 euro

Trama:
Complice, specchio, spalla su cui piangere: un'amica è tutto questo e molto di più. Bev ed Amy non potrebbero essere più diverse - maschiaccio squattrinato la prima, bambolina viziata la seconda - eppure si attraggono come solo gli opposti sanno fare: istintivamente, appassionatamente, senza riserve. Quasi trentenni nella New York delle grandi ambizioni e dei lavoretti precari, sono l'una il satellite dell'altra, inseparabili e complementari. 
Quando Bev, disincantata e alla deriva, all'improvviso si scopre incinta, Amy perde di colpo il suo bizzarro e ben remunerato lavoro ed è costretta a dire addio al fidanzato. Per uno scherzo del destino, le prospettive d'un tratto si ribaltano, equilibri vecchi di decenni si spezzano e nuove paure prendono il posto di antichi, inconfessati rancori. E mentre ciascuna raccoglie i pezzi della propria esistenza e studia la prossima mossa, la distanza tra le due amiche si trasforma in un'occasione. 
Perché crescere è un'impresa che si affronta da sole e perdersi è spesso l'unico modo per ritrovarsi davvero. Ironico, pungente, spudorato come una chiacchierata tra amiche, "Due di noi" è il ritratto di una generazione spaesata e coraggiosa. Che ha imparato a fare sul serio senza mai smettere di prendersi in giro.

Cosa mi ha colpita:
Mi è venuta immediatamente voglia (leggendo la trama) di regalarlo alla mia migliore amica per leggerlo assieme. Mi piacerebbe leggere una bella storia d'amicizia.

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Settembre, prima che lei parta. O mentre è via.






Titolo: Girl Online
Autore: Zoe Sugg
Editore: Mondadori
Pagine: 343
Prezzo: 14,90 euro

Trama:
Con lo pseudonimo Girl Online ogni giorno scrive un blog. Nascosta dietro al suo nickname, Penny condivide i suoi pensieri e le sue emozioni più vere sull'amicizia, l'amore, la scuola, la sua famiglia un po' assurda e quei terribili attacchi di panico che condizionano drammaticamente la sua vita. 
Proprio quando le cose stanno davvero prendendo una brutta piega i genitori le organizzano un viaggio a New York. Qui incontra Noah, bello, anzi bellissimo, e per di più chitarrista eccezionale. 
Penny si innamora per la prima volta e racconta ogni minuto di questo sogno sul suo blog. Ma anche Noah ha un segreto: talmente grosso che rischia di far saltare la copertura di Penny e rovinare per sempre l'amicizia con il suo migliore amico.

Cosa mi ha colpita:
Ma quanto è bella questa copertina? Davvero splendida. Forse perchè mi ricorda lo stile ed i colori di Avrò cura di te.

Quando mi piacerebbe leggerlo:
Anche questa è una lettura perfetta per l'estate inoltrata. Afosa e spensierata.



________________



Wow! Non ci posso credere. Ho finito :) Spero di non avervi annoiato.
Avete visto quante belle uscite??? Voi cosa ne pensate? Quali prenderete?
Io vorrei davvero averle tutte (non scherzo)!

Buona vita e buona lettura.



4 commenti:

  1. Il maledetto della Oates lo inizierò a breve *-* ha una trama che mi attira tantissimo e sarà il primo libro per me di quest'autrice, mi incuriosisce da anni ma non ho mai avuto occasione di provarla...vedremo come andrà!!
    Idem per Vonnegut di cui voglio leggere però Mattatoio n.5!!
    bacini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhhh :) Beata teee! Anche a me la trama fa impazzire :)
      Buona lettura allora, e attendo ovviamente il tuo parere!

      Elimina
  2. Bellissime letture, anch'io vorrei averli tutti tra le mie mani, sono uno più interessante dell'altro. Adesso vado che il portafoglio sembra essere svenuto e devo farlo rinvenire ^-^'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hahuhauauah :) Non ti dico il mio. Quando devo andare in libreria, non lo trovo mai! Scappa, si nasconde :) :) :)

      Elimina

Ciao, lascia pure un segno del tuo passaggio... mi farai felice :)